Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale Digital Forum, giro di boa per la prima fiera virtuale dell’edilizia
TECNOLOGIE Edilportale Digital Forum, giro di boa per la prima fiera virtuale dell’edilizia
LAVORI PUBBLICI

Piano Scuolebelle prorogato a novembre 2016

di Alessandra Marra

Palazzo Chigi e sindacati trovano l’intesa per salvaguardare il lavoro degli operatori impegnati nel ripristino degli edifici scolastici

Vedi Aggiornamento del 26/05/2016
Commenti 5971
11/03/2016 – Il programma #scuolebelle andrà avanti fino a novembre 2016, scongiurando i licenziamenti che sarebbero scattati a fine marzo e salvaguardando migliaia di posti di lavoro.
 
Questa la conclusione della trattativa tra Palazzo Chigi e Cgil, Cisl e Uil, terminata la notte dell’otto marzo con la firma dell’accordo tra sindacati e aziende impegnate nel progetto finalizzato al ripristino del decoro e della funzionalità degli edifici scolastici.
 

Scuolebelle: proroga fino a novembre 2016

Secondo quanto sancito dall’accordo il piano andrà avanti fino a novembre prossimo, in parallelo con la prosecuzione della riflessione su una possibile soluzione di prospettiva, e proseguirà grazie ad un mix di fondi messi a disposizione dal Ministero dell’istruzione e il ricorso alla cassa integrazione.
 
Contestualmente, le imprese del settore si sono impegnate a ritirare le procedure di licenziamento che sarebbero scattate a fine marzo, salvaguardando così migliaia di posti di lavoro.
 
La riunione è stata coordinata - per l’Esecutivo- dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, affiancato dal Segretario generale di Palazzo Chigi Paolo Aquilanti, dal Sottosegretario al Miur Davide Faraone e da alti dirigenti dei Ministeri dell’Istruzione e del Lavoro.
 
De Vincenti  ha commentato: “Un buon accordo che conferma l’impegno del Governo in direzione della riqualificazione del sistema scuola, a partire da quella degli stabili. Ora si tratta di proseguire nel confronto per un ragionamento di prospettiva sul comparto”.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui