Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Nuovo Codice Appalti, il Parlamento va incontro ai progettisti

di Paola Mammarella
Commenti 12681

Giovani nei concorsi di progettazione, compensi in base al DM Parametri, obbligo di gara sopra i 100mila euro e nessuna cauzione a corredo dell’offerta

Vedi Aggiornamento del 22/06/2016
Commenti 12681
08/04/2016 – Il Parlamento accoglie le richieste di modifica del nuovo Codice Appalti avanzate dai progettisti. Incentivi per i giovani che partecipano ai concorsi di progettazione, obbligo di affidare con gara i servizi di ingegneria e architettura oltre i 100 mila euro, compensi determinati sulla base del Decreto Parametri ed eliminazione della cauzione a corredo dell’offerta sono le modifiche suggerite dalle Commissioni Lavori Pubblici del Senato e Ambiente della Camera, che dovranno ora essere recepite dal Governo.
 

Concorsi di progettazione col nuovo Codice Appalti

Il nuovo Codice Appalti, lo ricordiamo, introduce il concorso di progettazione come strumento da adottare in caso di interventi complessi o di particolare rilievo dal punto di vista architettonico o paesaggistico. Se le modifiche introdotte dal Parlamento saranno accolte, dopo la prima fase di presentazione delle proposte, saranno scelti al massimo dieci soggetti, progettisti singoli o a gruppi, che parteciperanno alla seconda fase in cui sarà redatto il progetto definitivo.
 
Sul totale dei partecipanti, almeno tre dovranno essere iscritti agli Albi professionali da meno di cinque anni. A loro verrà corrisposto un rimborso spese pari al 50% degli importi previsti per le spese tecniche. Per gli altri professionisti il rimborso spese sarà pari al 25%.
 
Rispetto all’impostazione iniziale si pone un limite alle proposte che possono accedere alla seconda fase, si incentiva la partecipazione dei giovani progettisti e si introduce l’obbligo del rimborso spese.
 

Nuovo Codice Appalti e servizi di progettazione sotto la soglia UE

I servizi di ingegneria e architettura di importo compreso tra 40 mila e 100 mila euro potranno essere affidati con procedura negoziata, invitando almeno cinque operatori. Sopra i 100 mila euro si dovrà ricorrere alla procedura aperta o ristretta.
 
È stato quindi abbassato il tetto che fa scattare l’obbligo di bandire una gara ad evidenza pubblica. Nella versione iniziale il limite era 209 mila euro, ma i progettisti avevano lamentato che in questo modo si sarebbe sottratto alle gare il maggior numero degli affidamenti.
 

Compensi e DM Parametri nel nuovo Codice Appalti

I compensi dei professionisti da porre a base di gara dovranno essere determinati secondo il Decreto Parametri (DM 143/2013). L’obbligo non era invece previsto dalla versione iniziale, in base alla quale il Ministro della Giustizia, di concerto con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, avrebbe approvato le tabelle dei corrispettivi, che sarebbero poi state utilizzate a discrezione delle stazioni appaltanti.
 
I professionisti hanno però ricordato che i criteri per la determinazione dei compensi sono stati fissati dal Decreto Parametri. L’anno scorso inoltre l’Anac ha ribadito l’obbligo di rifarsi a quanto previsto dal DM per fissare i compensi da porre a base di gara. 
 

Cauzione a corredo dell'offerta nel nuovo Codice Appalti

Per i servizi di progettazione, redazione del piano di sicurezza e coordinamento e per i compiti di supporto alle attività del Responsabile unico del procedimento (RUP) non si dovrà versare la cauzione a corredo dell’offerta pari al 2% del prezzo base indicato nel bando.
Viene quindi operata una differenziazione tra i servizi di ingegneria e architettura e gli appalti di servizi in generale. Il Parlamento ha quindi accolto le richieste dei progettisti, che avevano da subito giudicato la cauzione un onere inutilmente gravoso, soprattutto per gli affidamenti di servizi di architettura e ingegneria di importo inferiore alla soglia comunitaria (209mila euro). 
 

I commenti di progettisti e imprese

Le novità sono state accolte con soddisfazione da Oice, l'Associazione confindustriale delle società di ingegneria e di architettura italiane. Oltre al giudizio positivo sulle misure che tutelano la concorrenza, la centralità del progetto e che danno certezza nella determinazione dei compensi a base di gara, Oice ha espresso qualche perplessità sull'applicazione del criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa alle gare di lavori e agli affidamenti degli incarichi di progettazione, soprattutto quando ci sono molti partecipanti. 

"Difficile pensare  - si legge in una nota diramata dall'Associazione - che metodi come il confronto a coppie possano funzionare bene con molte decine di offerte. Avremmo preferito che fossero adottati sistemi usuali a livello internazionale, come l'utilizzo delle short list e l'applicazione delle soglie di punteggio tecnico quale filtro sulle offerte economiche".
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
filippo rossi

Magari per favorire davvero progettisti e progettazione servivano: - drastica riduzione degli appalti integrati - divieto assoluto di chiedere progetto definitivo o - peggio - progetto esecutivo per partecipare alle gare - affidamento della DL a chi fa l'esecutivo - Obbligo di avere il "giovane professionista" per i grandi gruppi per gli studi associati etc ma eliminazione dell'obbligo per i piccoli "singoli" che fanno un'ATP per mettere insieme forze e curricula: due singoli quarantenni non hanno chance di partecipare ad una gara che sia una se non "regalano" una fetta a uno sconosciuto giovane professionista - reintroduzione parametri tariffe per tutti, non solo i LL.PP. - tutele maggiori per i professionisti contro i clienti che non ti pagano o ti pagano dopo tre anni e ti chiedono pure lo sconto op di pagarti meno e al nero per risparmiare - eliminazione di obblighi assurdi con l'assicurazione RC professionale per coloro che NON firmano alcun progetto ma lavorano solo come schiavetti nei grandi studi - eliminazione della buffonata della formazione continua che è solo l'ennesima tassa a carico dei professionisti, considerati chissà quale vacca da mungere (come se non si fosse ampiamente capito che le vacche ormai sono molto molto magre...) - agevolazioni fiscali i professionisti, tipo la possibilità di dedurre e /o detrarre al 100% le spese per auto, meccanico, benzina, bollo auto, assicurazione RC auto - che tutti sosteniamo quotidianamente - invece di prenderci in giro facendoci detrarre "le spese per la formazione" (prima ce la impongono e poi graziosamente ce ne fanno detrarre un po'!)