Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Subappalto, i giudici italiani si allineano all’UE: no al limite del 30%-40%
NORMATIVA Subappalto, i giudici italiani si allineano all’UE: no al limite del 30%-40%
LAVORI PUBBLICI

Sbloccascuole, presto spendibili 480 milioni di euro in 1.508 Comuni

di Alessandra Marra

Eliminati i vincoli di bilancio per 3.506 interventi di costruzione di nuove scuole e di ristrutturazione di edifici esistenti

Vedi Aggiornamento del 10/01/2018
Commenti 5616
20/04/2016 – Presto gli enti locali potranno spendere i 480 milioni di euro sbloccati dai vincoli di bilancio per la realizzazione di interventi di edilizia scolastica, previsti dall’operazione #Sbloccascuole.
 
La Conferenza Stato-città e autonomie locali ha infatti espresso parere favorevole sul Decreto che, in attuazione della Legge di Stabilità 2016, rende spendibili gli avanzi di amministrazione di Comuni, Province e Città metropolitane, per la realizzazione di nuove scuole o per interventi di miglioramento su quelle esistenti. 
 
In questo modo l’operazione #Sbloccascuole, che ha accolto la candidatura di ben 3.506 interventi, si avvia verso la conclusione.
 
I 3.506 interventi candidati stanno coinvolgendo complessivamente 1.508 Enti locali per una richiesta complessiva di spazi finanziari superiore alla disponibilità prevista.
 
Una nota di Italiasicura fa sapere che sono state soddisfatte a pieno 280 candidature per la fattispecie a) relative agli interventi dell’operazione #scuolenuove Comuni, Province e Città metropolitane, e per gli interventi legati all’operazione Mutui Bei Comuni, per un totale di 99 milioni.
 
Totalmente soddisfatte anche le 5 candidature, valide ai fini della fattispecie b), concernenti gli interventi operazione Mutui Bei Province e Città metropolitane. Gli spazi finanziari concessi per tale fattispecie ammontano a circa 2 milioni di euro.
 
Italiasicura infine spiega che per i 3.221 interventi di edilizia scolastica candidati nella fattispecie c), visti gli spazi finanziari richiesti pari a circa 852 milioni di euro, si è dovuto procedere a una riduzione lineare, proporzionale all’importo richiesto dagli Enti.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui