Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Comprare casa, nullo il preliminare senza il prezzo di acquisto
NORMATIVA Comprare casa, nullo il preliminare senza il prezzo di acquisto
MERCATI

Castelli e fari, le dimore da sogno che l’Italia mette in vendita

di Paola Mammarella

Gli immobili pubblici sono nel circuito ‘Invest in Italy Real Estate’ alla ricerca di investitori che le trasformino in alberghi o case di lusso

Vedi Aggiornamento del 22/12/2016
Commenti 11509
04/04/2016 – Sono duecento, ma sono destinati ad aumentare, gli immobili pubblici messi in vendita, che i privati potranno acquistare e riqualificare. Dimore storiche, fari e complessi residenziali nei centri storici sono solo alcune delle opportunità di investimento pubblicate nel sito “Invest in Italy Real Estate”.
 
La piattaforma web è stata messa a punto in collaborazione tra Agenzia Ice, Presidenza del Consiglio, Ministeri della Difesa, dello Sviluppo Economico, dell'Economia e delle Finanze e Agenzia del Demanio. La mappatura ha coinvolto un milione di immobili appartenenti a 11 mila enti pubblici che li stanno dismettendo. Gli immobili stanno ora affrontando una procedura di selezione in cui viene valutata la loro attrattività per investitori italiani e internazionali.
 
Di seguito dieci esempi di castelli, fari ed edifici storici in buono stato di conservazione che potrebbero rinascere a nuova vita.
 

Castello Nelson a Catania

Il complesso si trova a qualche chilometro da Bronte, in Provincia di Catania. La prima parte del complesso è stata costruita nel 1100 sulle rovine di un monastero benedettino.

Nel ‘700 è stata la residenza dell’ammiraglio inglese Horatio Nelson. Per la sua posizione e le caratteristiche costruttive potrebbe diventare un resort turistico.
 

Ex prigione San Severo a Venezia

Il complesso è stato costruito e modificato durante la dominazione austriaca e si trova in pieno centro storico, a poca distanza da piazza San Marco.

L’edificio ha una vocazione turistica o residenziale.
 

Piazza Castello a Torino

L’edificio si trova nel pieno centro storico di Torino ed è stato parzialmente ricostruito dopo la seconda guerra mondiale.

È adatto ad essere trasformato in struttura alberghiera, residenza di lusso o uffici.
 

Castello di Petroro a Todi – Perugia

Il palazzo è stato costruito nel 1300 e si trova nella campagna umbra in posizione panoramica.

È adatto per l’uso sia turistico sia residenziale.
 

Faro Capo Mulini ad Acireale – Catania

Costruito tra il 1578 e il 1584 come torre di difesa, il faro si erge sul golfo di Catania e rientra tra gli immobili vincolati ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.lgs. 42/2004).

La proprietà rimarrà al Ministero della Difesa, con cui si potrà siglare un contratto di concessione.
 

Palazzo Vivarelli Colonna a Firenze

Situato nel centro storico di Firenze, vicino piazza della Signoria, è il risultato di successive aggregazioni di singole unità immobiliari iniziate presumibilmente nel ‘500.

Le sue caratteristiche e la localizzazione lo rendono idoneo a diventare un hotel o una residenza privata.
 

Ospedale degli innocenti a Bologna

L’edificio risale al tredicesimo secolo ed è uno dei più caratteristici del centro storico di Bologna.

È adatto ad essere trasformato in complesso residenziale con attività commerciali al piano terra.
 

Torrione francese a Gaeta – Latina

È stato costruito nel diciannovesimo secolo. Si trova in un complesso medievale affacciato sul mare.

L’area è interessata da numerose iniziative di promozione turistica.
 

Ex prigione San Donnino a Como

Realizzato nel diciannovesimo secolo, si trova in una posizione centrale.

Potrebbe essere convertito a uso residenziale o alberghiero.
 

La Lama Hotel a Roma

Chiudiamo la rassegna con un edificio contemporaneo rientrato nel censimento. È un hotel di lusso situato nel quartiere Eur a Roma e progettato dallo studio Massimiliano e Doriana Fuksas Design.

Al momento è in fase di costruzione. Al termine dei lavori avrà diciassette piani fuori terra e 439 stanze, di cui 7 suites.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa