Add Impression
Network
Pubblica i tuoi prodotti
Bonus mobili giovani coppie: la casa deve essere acquistata nel 2015 o nel 2016

Bonus mobili giovani coppie: la casa deve essere acquistata nel 2015 o nel 2016

L’Agenzia delle Entrate chiarisce le regole per la detrazione del 50% valida fino a fine anno

Vedi Aggiornamento del 22/05/2017
di Alessandra Marra
Vedi Aggiornamento del 22/05/2017
01/04/2016 - Per usufruire del bonus mobili giovani coppie è necessario che l’abitazione da arredare sia stata acquistata, da entrambi i coniugi o conviventi more uxorio o da uno solo di essi, nel 2015 o nel 2016.
 
Questo uno dei chiarimenti forniti dalla circolare n.7/E dell’Agenzia delle Entrate, in cui vengono descritte le modalità per accedere al nuovo bonus introdotto della Legge di Stabilità 2016.
 
L’agevolazione, pur presentando sostanziali analogie con il “bonus mobili” collegato a lavori di ristrutturazione edilizia, si differenzia da quest’ultimo per il contesto normativo di riferimento; per questa ragione l’Agenzia ha fornito specifici chiarimenti.
 

Bonus mobili giovani coppie: chi può beneficiare della detrazione

L’Agenzia specifica che il nuovo bonus mobili è riservato alle coppie che nel 2016 risultino coniugate o conviventi more uxorio da almeno tre anni. Per le coppie coniugate, non rilevando il requisito di durata del vincolo matrimoniale, è sufficiente che i soggetti risultino coniugati nell’anno 2016; per le coppie conviventi more uxorio, la convivenza deve durare da almeno tre anni. Tale condizione deve risultare soddisfatta nell’anno 2016 ed essere attestata o dall’iscrizione dei due componenti nello stesso stato di famiglia o mediante un’autocertificazione resa ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445.
 
Le Entrate specificano la necessità che almeno uno dei componenti non abbia superato i 35 anni di età o che li compia nell’anno 2016.
 
La circolare spiega inoltre che l’unità immobiliare può essere acquistata a titolo oneroso o gratuito e che l’acquisto possa essere effettuato da entrambi i coniugi o conviventi more uxorio o da uno solo di essi, purché quest’ultimo abbia meno di 35 anni.
 
L’Agenzia ritiene che l’acquisto dell’unità immobiliare possa essere effettuato nell’anno 2016 o che possa essere stato effettuato nell’anno 2015.
 

Bonus mobili giovani coppie: i beni che rientrano nell’agevolazione

Nella circolare si chiarisce che la detrazione spetta per le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2016 per l’acquisto di mobili destinati all’arredo dell’abitazione principale della giovane coppia, esclusi i grandi elettrodomestici.
 
Ad esempio, se una coppia coniugata e conforme al requisito anagrafico acquista i mobili a marzo 2016 e ad ottobre 2016 stipula il rogito di acquisto dell’unità immobiliare destinata ad abitazione principale di entrambi i coniugi, avrà diritto alla detrazione entro il termine per la presentazione dei redditi relativa all’anno 2016.

Tra i mobili ammessi al beneficio rientrano, a titolo esemplificativo: letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi e gli apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell’arredo dell’immobile. Sono esclusi, invece, gli acquisti di porte, di pavimentazioni (ad esempio, il parquet), di tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo.
 

Bonus mobili giovani coppie: come calcolare la detrazione

L’agevolazione, da ripartire tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo, si applica nella misura del 50% delle spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2016 e viene determinata su un ammontare complessivo non superiore a 16mila euro, riferito alla coppia.
 
Per fruire del beneficio è necessario che il pagamento per l’acquisto dei nuovi mobili sia effettuato solamente mediante bonifico o carta di debito o credito.
 
Le Entrate specificano che il nuovo bonus mobili giovani coppie non è cumulabile per lo stesso immobile con il bonus mobili e grandi elettrodomestici, tuttavia evidenziano che è possibile beneficiare di entrambe le agevolazioni se i mobili acquistati sono destinati all’arredo di unità abitative diverse.
 
La circolare infine ricorda che la Legge di Stabilità 2016 ha prorogato al 31 dicembre 2016 la detrazione dal 50% per le spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio e il bonus per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici. 

SCARICA LA NUOVA GUIDA DI EDILPORTALE AI BONUS MOBILI 2016

SCARICA LA NUOVA GUIDA DI EDILPORTALE AL BONUS RISTRUTTURAZIONE
 

Bonus mobili giovani coppie: il commento di FederlegnoArredo

Il presidente di FederlegnoArredo, Roberto Snaidero, ha sottolineato l’importanza del provvedimento che risulta svincolato dalla necessità di lavori di ristrutturazione edilizia e può contare su un tetto di spesa detraibile più elevato, 16.000 euro rispetto ai 10.000 del bonus mobili.

Snaidero ha infatti dichiarato: “La politica fiscale del Governo verso la casa sta producendo frutti molto importanti sul mercato interno dell’arredo. Nel 2015 per la prima volta in 7 anni abbiamo registrato una piccola crescita in Italia. E questo si aggiunge ad un trend molto positivo sui mercati esteri. Le aziende italiane di arredamento hanno saputo cogliere questa grande opportunità. A questo, nel 2016 si aggiunge anche il bonus arredi per le giovani coppie, svincolato dalla ristrutturazione, che sarà certamente una grande occasione per quei giovani che intendono costruire una famiglia e una casa con arredi di qualità. Siamo molto soddisfatti che il Governo e l’Agenzia delle Entrate abbiano colto queste opportunità favorendo un’interpretazione più allargata del provvedimento”.
 
Add Impression Add Impression
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione