Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Equo compenso e gare di progettazione agili, le proposte dei professionisti
PROFESSIONE Equo compenso e gare di progettazione agili, le proposte dei professionisti
AZIENDE

Schüco alla Biennale di Architettura di Venezia

Commenti 2505
27/05/2016 - Con il tema “Reporting from the Front”, la Biennale di Architettura di Venezia, giunta alla sua 15a edizione, aprirà le porte al pubblico sabato 28 maggio sotto la direzione di Alejandro Aravena, vincitore del Pritzker Prize. Per l’occasione, Schüco International KG supporta non solo il contributo della Germania, ma anche quello della Turchia e dell’EPEA (Environmental Protection Encouragement Agency). Tre progetti diversi, ma con un intento comune: lo sviluppo di un’architettura destinata a fare la differenza nella qualità della vita.
 
Sarà un evento che lascerà il segno, la Biennale di Architettura 2016. Giunta alla sua 15a edizione, coinvolgerà ben 63 Paesi, tutti chiamati ad interpretare le tematiche più sentite e i fenomeni più innovativi in ambito architettonico e urbanistico. A due anni dall’ultima partecipazione, Schüco prenderà nuovamente parte a questo importante appuntamento che pone l’attenzione sul ruolo primario dell’architettura, non solo nella dimensione culturale e artistica, ma anche sul fronte politico, sociale e ambientale.
 
Il professor Winfried Heusler, Senior Vice President e Global Building Excellence in Schüco, afferma: “Lo spirito di Schüco e quello della Biennale combaciano perfettamente. Qui abbiamo la possibilità di incontrare moltissimi architetti di fama internazionale e abbiamo l’opportunità di instaurare con loro un dialogo costruttivo”. Durante i giorni che precedono la kermesse, una delegazione Schüco partirà con un gruppo di architetti selezionati alla ricerca di nuove prospettive e di nuove ispirazioni, per poter dare il proprio contributo all’ampliamento degli orizzonti architettonici.
 
I progetti che vedono collaborare Schüco con la Biennale di Architettura 2016 esplorano tre ambiti differenti: accoglienza, sviluppo, sostenibilità.
 
Making Heimat. Germany, Arrival Country
Il contributo della Germania per la Biennale 2016 è stato progettato dal Museo dell’Architettura Tedesca di Francoforte (Deutsches Architektur Museum - DAM) e si ispira ad uno dei più sentiti temi di attualità, l’accoglienza dei rifugiati. L’opera indaga l’integrazione da molteplici punti di vista, poiché rappresenta una sfida sia per il tessuto sociale che per quello urbano. Il progetto si interroga quindi non solo su come sia possibile l’accoglienza dei nuovi arrivati all’interno di una società già formata, ma anche sul ruolo che possono avere l’architettura e l’urbanistica nell’importante processo di integrazione.
 
Darzanà: Two Arsenals, One Vessel
Il contributo della Turchia è stato sviluppato dall’Istanbul Foundation for Culture and Arts (IKSV) per celebrare il patrimonio culturale che accomuna Istanbul e Venezia. Entrambe, infatti, sebbene siano città portuali sul Mediterraneo, si sono sviluppate nel tempo in modo totalmente differente: Venezia rappresenta la città museo per eccellenza, Istanbul una megalopoli tra passato e futuro. Sebbene apparentemente diverse, le loro anime sono tuttavia collegate da un linguaggio comune: quello architettonico.
 
A Building Like a Tree – A City Like a Forest
La possibilità di realizzare edifici funzionali sia per le persone che per l’ambiente è ciò che vuole promuovere l’istituto EPEA alla Biennale 2016. Il professor Michael Braungart, fondatore e CEO di EPEA (Environmental Protection Encouragement Agency), presenterà infatti la sua filosofia “dalla culla alla culla”, sviluppata in collaborazione con l’architetto e designer statunitense William McDonough per celebrare l’impronta umana sul pianeta. L’obiettivo finale è realizzare edifici come alberi e città come le foreste, costruzioni innovative in grado di purificare l’aria e l’acqua e capaci di produrre senza sprechi.
 
“La Biennale di Architettura – commenta Roberto Brovazzo, Direttore Generale di Schüco Italia – è per la nostra azienda uno degli appuntamenti più attesi a livello internazionale per esplorare e sperimentare le nuove possibilità dell’edilizia sostenibile. Affiancare i progettisti e favorirne la creatività, eliminando qualsiasi limitazione dal punto di vista tecnico, è per noi una delle sfide più stimolanti ed entusiasmanti”.

SCH?CO INTERNATIONAL ITALIA su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui