Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Testo Unico Edilizia, ecco il testo aggiornato
NORMATIVA Testo Unico Edilizia, ecco il testo aggiornato
AZIENDE

Zintek alle Conterie, sull’isola del vetro

Il progetto di recupero a cura di Studio Macola

Commenti 1366
26/05/2016 - Prosegue l’impegno di Zintek nel recupero e nella rigenerazione dell’esistente, questa volta nel contesto complesso ed esigente dell’isola di Murano, a Venezia.

Tra le isole abitate della laguna, Murano è la più celebre: dal Duecento è nota come “l’isola del vetro”, punto di riferimento mondiale per la produzione di oggetti artistici di pregio.

Data la sua specificità, ha sviluppato nei secoli un modello abitativo caratteristico, con edifici unici che comprendono residenza e fornace. Molte di queste antiche costruzioni sono oggi abbandonate e in pessimo stato, ma recuperarle è possibile, come dimostra l’intervento sul Complesso delle Conterie.
 
Antica sede di produzione di perle e perline (le “conterie”, appunto), la grande struttura nei pressi del Museo del vetro e della chiesa di San Donato è stata acquistata nel 1995 dal Comune di Venezia per avviarne il restauro e a ricavarne una residenza studentesca, un complesso residenziale, attività artigianali e commerciali, più un ampliamento del museo e un hotel, affidato a investitori privati.
 
Lo studio di architettura Macola ha attuato un compromesso tra conservazione e demolizione del manufatto: il complesso è stato suddiviso in due parti, A e B, con l’intenzione di mantenere le capriate ad arco in cemento armato della parte B, e di demolire la parte A salvando però la facciata nord, trasformata nel tema principale del progetto.

Tale facciata, di lunghezza fuori scala rispetto alle dimensioni degli edifici circostanti, è “ammortizzata” dalla presenza di volumi che impediscono di percepirla con un unico oggetto. Il progetto riprende questa idea, e anche l’edificio centrale tra le due ciminiere, inizialmente destinato a demolizione, è stato conservato per amplificare l’effetto di movimento e rottura della continuità.

Per le coperture lo Studio Macola ha scelto il laminato zintek® prodotto da Zintek di Porto Marghera, società che vanta ormai una solida esperienza nel campo del restauro conservativo in contesti storici. L’uso dello zintek® ha permesso di abbinare resistenza e durata alla resa estetica: le regolarità geometriche del progetto, con un’alternanza tra pieni e vuoti che alleggerisce il complesso, sono state enfatizzate grazie a coperture realizzate con la tecnica detta “tedesca” o “belga”, con giunto a listello, per marcare le giunture tra le lastre.

Al momento i lavori completati riguardano la sezione A, mentre per l’appalto della sezione B è previsto per l’inizio del 2017. Con il completamento delle opere di urbanizzazione, la percorribilità dell’intera area, arricchita dai nuovi “campi” e spazi verdi, trasformerà l’antica fabbrica in un nuovo quartiere urbano.

ZINTEK su ARCHIPRODUCTS

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Leggi i risultati