Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, ecco il modulo unico CILAS
NORMATIVA Superbonus 110%, ecco il modulo unico CILAS
PROFESSIONE

Professionisti, se hanno una sola segretaria non pagano l’Irap

di Paola Mammarella

Cassazione: per essere esenti dall’imposta il dipendente deve svolgere attività generiche e non affini a quella del titolare

Vedi Aggiornamento del 01/04/2019
Commenti 7241
12/05/2016 – I professionisti e gli imprenditori individuali che si avvalgono di una segretaria non devono pagare l’Imposta regionale sulle attività produttive (Irap). Lo ha affermato nei giorni scorsi la Corte di Cassazione, che con la sentenza 9451/2016 si è posta in controtendenza rispetto al maggior numero di pronunce depositate fino ad ora.
 
Al centro del dibattito c’è, come al solito, il significato di autonoma organizzazione. L’Irap, infatti, si paga solo in presenza di autonoma organizzazione. Ma come si fa a rilevarla?
 

Professionisti e Irap, conta l’attività svolta dal dipendente

La giurisprudenza non è unanime e ha dato spesso risposte diverse sul concetto di autonoma organizzazione. In questo caso i giudici hanno aderito all’idea, non molto diffusa, che bisogna condurre delle verifiche sull’attività svolta dal dipendente.
 
Se, sostengono i giudici, il lavoro svolto dal dipendente potenzia l’attività produttiva allora c’è autonoma organizzazione. Questo avviene quando l’attività del collaboratore non apporta un contributo generico, come nel caso di una segretaria, ma è specifica e affine a quella del professionista titolare.
 
La Cassazione ha inoltre affermato che in presenza di un solo dipendente non si può parlare di autonoma organizzazione. Dai due dipendenti in poi scatta invece l’Irap.
 

Professionisti e Irap: le precedenti sentenze

Un altro filone della giurisprudenza ritiene invece che la presenza di collaboratori lasci sempre presumere l’autonoma organizzazione e che non è necessario compiere accertamenti sul tipo di attività svolta dal dipendente.
 
Su questa scia la Cassazione il mese scorso ha affermato che gli studi associati devono pagare l’Irap anche se non hanno dipendenti dal momento che la loro struttura lascia intravedere la presenza dell’autonoma organizzazione.

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui