Carrello 0
URBANISTICA

Bando Periferie, Anci: ‘sarà in Gazzetta in queste ore’

di Rossella Calabrese

La pubblicazione del bando da 500 milioni di euro era attesa per il 31 gennaio 2016

Vedi Aggiornamento del 14/10/2016
19/05/2016 - “In queste ore sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando da 500 milioni di euro per la riqualificazione delle periferie urbane”.
 
Lo ha detto due giorni fa Veronica Nicotra, segretario generale dell’Anci, Associazione nazionale Comuni italiani, nel corso di un workshop sulle Politiche giovanili in Europa, organizzato a Roma dal Dipartimento politiche giovanili della Presidenza del Consiglio.
 
“Si tratta - ha aggiunto Nicotra - di un provvedimento fortemente sostenuto dall’Anci che, oltre a riqualificare le aree marginali delle nostre città, ci aiuterà anche a dare le risposte che tanti giovani delle periferie meritano”.
 

Il Bando per la riqualificazione urbana delle periferie

La pubblicazione del bando da 500 milioni di euro per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie era data per imminente anche un mese fa, quando la stessa Veronica Nicotra invitava i sindaci di Città metropolitane e capoluoghi di Provincia e Regione a “cominciare sin da ora a lavorare per la presentazione dei progetti”.
 
“Il bando - ricordava il segretario generale dell’Anci - destina 500 milioni di euro, per l’annualità 2016, ai Comuni capoluoghi di provincia, di Regione e alle Città Metropolitane, per interventi di riqualificazione urbana e sicurezza delle periferie. Consapevole della necessità di tali interventi e dei tempi strettissimi previsti dalla norma, che individuava il termine del 31 gennaio 2016 per la predisposizione del bando, l’Anci aveva dato, già da dicembre, la propria disponibilità a collaborare alla definizione dello stesso”.
 

Le bozze del Bando Periferie 

Con oltre due mesi di ritardo rispetto alla scadenza del 31 gennaio 2016, l’8 aprile scorso è stata diffusa la prima versione del Bando. Venivano definiti i soggetti proponenti, la tipologia degli interventi ammessi, i requisiti e i criteri di valutazione e si chiariva che potranno partecipare le città metropolitane e i comuni capoluoghi di provincia.

Alcuni giorni dopo, la Conferenza unificata ha approvato l’ammissione al Bando anche dei progetti preliminari e degli studi di fattibilità, accogliendo la richiesta dell’Anci. La seconda bozza del bando indica anche le tempistiche: i soggetti proponenti dovranno presentare i progetti entro 90 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati