Carrello 0
AZIENDE

Viega in cattedra per futuri ingegneri

All’università La Sapienza di Roma, un seminario tecnico sull’acqua sanitaria degli esperti Viega

07/06/2016 - Grande interesse tra i futuri ingegneri: all’università La Sapienza di Roma si è tenuto un seminario sull’acqua sanitaria rivolto agli studenti del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Edile-Architettura. Su iniziativa del Professore Grignaffini, titolare della cattedra del corso di Impianti, due esperti di Viega Italia, Elio Migni e Alessio Baldi, rispettivamente Project Business Manager e Addetto Centro Servizi di Viega Italia, hanno esposto i temi centrali della UNI 9182.

La norma discussa negli interventi di Elio Migni e Alessio Baldi specifica i criteri tecnici e i parametri per il dimensionamento delle reti di distribuzione dell'acqua destinata al consumo umano degli impianti di produzione, degli impianti di distribuzione e degli impianti di ricircolo dell'acqua calda oltre che il collaudo e la messa in esercizio degli stessi impianti.

La norma si applica a impianti di nuova costruzione e a modifiche e riparazioni di impianti esistenti ed è da utilizzare, dal punto di vista igienico, parallelamente alla UNI TR 16355, che fornisce utili spunti installativi per la salvaguardia della qualità dell’acqua destinata al consumo umano.

Nel focus degli interventi di Elio Migni e Alessio Baldi di Viega Italia sono stati il corretto dimensionamento degli impianti idrico-sanitari e i requisiti degli impianti volti a prevenire la contaminazione e la proliferazione di batteri nocivi quali ad esempio la Legionella. L’intervento di Viega Italia in ambiente universitario è un ulteriore conferma dell’impegno dell’azienda in una delle sue competenze centrali, l’acqua sanitaria, e nella formazione di giovani leve di specialisti. 
 
Viega Italia su Edilportale.com
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Come cambia l’edilizia italiana: la domanda Partecipa