Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Subappalto con tetto al 40% e manutenzioni su progetto definitivo, tutto resta com’è
LAVORI PUBBLICI Subappalto con tetto al 40% e manutenzioni su progetto definitivo, tutto resta com’è
LAVORI PUBBLICI

Livelli di progettazione, pronto il decreto attuativo del Codice Appalti

di Paola Mammarella

Sarà rafforzato lo studio di fattibilità tecnica ed economica per avere più certezza nella realizzazione delle opere

Vedi Aggiornamento del 22/09/2016
Commenti 10558
23/06/2016 – Il decreto attuativo del Codice Appalti che definisce i livelli di progettazione è pronto e in attesa di approvazione.
 
I contenuti sono stati definiti dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (CSLP) sulla base delle indicazioni dell’articolo 23 del Codice dei Contratti Pubblici, che suddivide la progettazione dei lavori pubblici in tre livelli di successivi approfondimenti tecnici: progetto di fattibilità tecnica ed economica, progetto definitivo e progetto esecutivo.
 
Il primo via libera del CSLP è atteso già per la prossima settimana. Il testo passerà poi all’esame dei Ministeri delle Infrastrutture, dell’Ambiente e dei Beni Culturali. Come già annunciato dal Ministro Graziano Delrio, la norma sarà pubblicata in Gazzetta Ufficiale ed entrerà in vigore entro l’estate.
 

Progetto di fattibilità tecnica ed economica

Il progetto di fattibilità tecnica ed economica sostituirà il preliminare e individuerà la soluzione progettuale con il miglior rapporto tra costi e benefici per la collettività.
 
Nell’ambito del progetto di fattibilità dovranno essere svolte le indagini geologiche e geognostiche, le verifiche preventive dell'interesse archeologico e gli studi preliminari sull’impatto ambientale delle opere da realizzare. Si dovrà anche indicare se si intende suddividere l’opera in lotti funzionali ed eventualmente avviare le procedure espropriative necessarie. Al progetto bisognerà allegare gli schemi grafici per l'individuazione delle caratteristiche dimensionali, volumetriche, tipologiche, funzionali e tecnologiche dei lavori da realizzare.
 
Rispetto al progetto preliminare più generico cui professionisti, imprese e Pubbliche Amministrazioni erano abituati, si tratta di un aumento dei documenti da produrre in questa fase. Una scelta che risponde all’esigenza di rendere i progetti più credibili e non incappare in imprevisti.
 

Progetto definitivo

Il progetto definitivo dovrà contenere tutti i dettagli dei lavori da realizzare, gli elementi necessari al rilascio delle autorizzazioni, il cronoprogramma degli interventi.
 

Progetto esecutivo

Ad andare in gara sarà il progetto esecutivo, che dovrà sviluppare nel dettaglio tutti gli elementi del progetto definitivo e prevedere anche un piano di manutenzione dell’opera da realizzare.
 

Gare di progettazione

Le indicazioni cambiano per gli appalti di servizi e forniture. Qui la regola sarà un unico livello di progettazione. Nei concorsi di progettazione, però, la Stazione Appaltante potrà prevedere che la progettazione sia suddivisa in uno o più livelli di approfondimento di cui individuerà requisiti e caratteristiche.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui