Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Covid-19 e superbonus 110% hanno rallentato l’edilizia nel 2020
MERCATI Covid-19 e superbonus 110% hanno rallentato l’edilizia nel 2020
AMBIENTE

Incompiute, i cantieri fermi che bruciano denaro pubblico

di Paola Mammarella

Dovrebbero essere palazzetti dello sport, musei, scuole e opere di riconversione industriale, ma oggi sono scheletri urbani

Vedi Aggiornamento del 06/07/2018
Commenti 6368
11/07/2016 – Deturpano il paesaggio e sottraggono risorse ai Comuni in cui si trovano. Sono le opere incompiute, cantieri in cui, per svariati motivi, i lavori si sono fermati. Scheletri inutilizzati che avrebbero dovuto avere una funzione pubblica, ma che hanno finito per creare solo problemi ambientali e di sicurezza.
 
Di alcune ci siamo già occupati ma oggi, dopo che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha aggiornato l’elenco delle opere ferme, torniamo su sette edifici progettati per migliorare la vita culturale o ricreativa, ma che al momento stanno lì a simboleggiare lo sperpero di denaro pubblico.
 

Area museale Maison Caravex a Gignod, Valle d’Aosta

I lavori di ampliamento dell’area museale già esistente si sono fermati al 23% assorbendo 5,8 milioni di euro. Con 3,6 milioni si pensa di poter completare l’opera.

 

Ex-macello a Parma, Emilia Romagna

Il recupero dell’area dell’ex-macello prevedeva la realizzazione di teatri e altri centri di intrattenimento. Anche se i lavori sono letteralmente a zero, l’Amministrazione ha speso più di 200mila euro e ne servono altrettanti.

 

Polo museale Santa Chiara a Bassano del Grappa, Veneto

Il progetto prevede la creazione di una Cittadella della cultura. Anche se non è ancora nata, ci sono già diverse polemiche sulla sua sostenibilità. Il 7.18 % delle opere è costato più di 11 milioni di euro. Per il suo completamento servirebbero quasi altri 6 milioni.

 

Palasport di Cantù, Lombardia

Pensato per integrarsi nella zona dove sono presenti altre strutture sportive e un centro commerciale, è costato finora più di 33 milioni. Considerando che è stato completato solo il 6,33% dei lavori è stato stimato che sono ancora necessari circa 28 milioni.

 

Palasport a Gravellona Toce, Piemonte

Per la realizzazione del 22% di questo impianto sportivo sono stati spesi 7,5 milioni di euro. I lavori sono fermi, ma per sbloccarli e completare la struttura senza ulteriori intoppi ci vorrebbero 6 milioni di euro.

 

Liceo Scientifico di Vercelli, Piemonte

Questa scuola doveva essere ampliata per rispondere al fabbisogno di nuove aule e laboratori. Ad oggi il 13,27% degli interventi è costato 700 milioni di euro. Secondo le stime del Comune altri 800 milioni basteranno per terminare i lavori.


Palazzo di Città di Nardò, Puglia

I lavori erano quasi finiti, ma poi si sono bloccati per decenni e ora, dopo il passare del tempo e dei vandali, è quasi tutto da rifare. Può considerarsi concluso solo il 7% dei lavori che sono costati 750mila euro. Per rendere operativa la struttura ci vorrebbero altri 8 milioni di euro.


Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui