Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Opere abusive, l’ordine di demolizione non ha bisogno di comunicazioni preventive
NORMATIVA Opere abusive, l’ordine di demolizione non ha bisogno di comunicazioni preventive
ARCHITETTURA

Terminato il cantiere della 'Nuvola' di Massimiliano Fuksas

di Valentina Ieva

Dopo 8 anni di lavori il nuovo Centro Congressi apre il prossimo 29 ottobre

Commenti 1295
21/07/2016 -  Dopo 8 anni di lavori al nuovo Centro Congressi di Roma, la realizzazione più controversa di Fuksas, sono finalmente conclusi. Martedì 19 luglio si è svolta la presentazione in notturna dell'opera: un tour tra le 17mila tonnellate di acciaio e i 58mila metri di vetro della struttura, con spettacolari giochi di luci. 

Alla cosiddetta 'Nuvola' manca soltanto un nome, che sarà scelto grazie a un concorso di idee annunciato durante la presentazione alla stampa dai vertici di Eur Spa, committente dell'opera. Il nome sarà rivelato nel corso di una diretta Rai il 29 di ottobre, data fissata per l'inaugurazione ufficiale della struttura.


''Non è un'opera immobile - sottolinea Enrico Pazzali, ad di Eur spa - ma genererà ricchezza per Roma e il paese, con flussi economici e occupazionali importanti. Uno studio della camera di commercio stima che un congressista spenda circa 1400 euro a congresso e noi, a regime quindi tra 3-5 anni, possiamo puntare ad ospitare tra i 200 e i 300mila congressisti l'anno, il che significa una potenziale ricaduta sul territorio tra i 300 e i 400 milioni. Il nostro obiettivo è rendere più internazionale Roma su un fronte, quello del turismo congressuale, su cui siamo carenti''.

I lavori sono iniziati nel 2008 e si sono conclusi lo scorso 30 giugno, sei mesi prima rispetto all'ultimo cronoprogramma definito con l'impresa costruttrice Condotte.

Il gigantesco edificio è costato circa 273 milioni, e ha impiegato una quantità d'acciaio "pari a quasi 3 volte quelle in ferro usate per la Tour Eiffel" ha spiegato il presidente del Consiglio di Gestione di Condotte, Duccio Astaldi

Il risultato si legge in termini di spazi e dimensioni: con un volume pari a 281mila metri quadri il Centro Congressi può ospitare fino a 8.000 persone, di cui oltre 6.000 nelle sale congressuali e 1.762 nell'Auditorium "cuore scenografico del progetto".

Impossibile non rimanere impressionati dall'imponenza dello spazio, che si rivela ai visitatori in tutta la sua audacia, dallo scheletro in acciaio che dà forma alla Nuvolaavvolta in uno speciale telo in fibra di vetro siliconata, ai soffitti con impianti a vista della sala Plenaria, fino alla solidità della teca in acciaio e vetro. Quest'ultima, alta 40 metri, larga 70 e lunga 175, destinata ad ospitare l'auditorium, è internamente rivestita da più di 4700 pannelli in ciliegio americano che assicureranno altissime prestazioni a livello acustico.

Funzione ricettiva, infine, per la cosiddetta 'Lama', alta 55 m, lunga 126 m e larga 14 m, al cui interno troverà posto un albergo con 439 stanze, con parcheggio interrato da 600 posti auto.

“Appare superfluo ma desidero esprimere tutto l’orgoglio di Condotte per aver partecipato alla realizzazione di un’opera così importante destinata a caratterizzare in maniera significativa la nostra città” – ha dichiarato Duccio Astaldi “Il centro congressi di Roma, nato da una visione architettonica innovativa, sarà il luogo ideale per ospitare eventi e persone da tutto il mondo. L’impegno del nostro gruppo è stato notevole.”

 Adesso l'attenzione è rivolta al modo in cui questa architettura ridarà vita a un quartiere, l’Eur, abbandonato per lungo tempo. Nella stessa area Fendi ha scelto il Palazzo della Civiltà italiana per realizzarvi il suo headquarter generale ed entro l'anno saranno inaugurati il nuovo Acquario e il LunEur.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Fabio Limiti

Per essere unica, è unica nel suo genere, ed in fondo è proprio quello che vuole un'archistar: un monumento a se stesso, non tanto per fare architettura (quella sana, con poche risorse che cercano di fare gli architetti normali), ma soprattutto per accrescere la propria notorietà e, ovviamente, anche la propria tasca. Questi non ti regalano mai nulla, sono sempre super pagati, anche quando sperperano i soldi pubblici; per loro non esistono tariffe e per loro c'è sempre una deroga alle norme per salvargli le chiappe quando sbagliano i progetti. Ma la colpa non è di questi inutili narcisi che si beano del superfluo, ma di chi dà loro credito: Zaha Adid, Libeskind, Foster, etc. sono forse migliori di Fuffas???

thumb profile
Raffaele Giovanelli

Si tratta di un'opera così clamorosamente inutile, priva di senso da contraddistinguere la nostra epoca. Chi volesse approfondire può leggersi questi articoli: http://www.lacrimae-rerum.it/documents/Misfatti-in-corso.pdf http://www.lacrimae-rerum.it/documents/La-Nuvola-di-Fuksas-non-e-ancora-finita.pdf

thumb profile
angun krapovic

questo è un monumento alla sfruffoneria romana, e dei suoi servi. Non contesto l'architetto ( lui fa il suo lavoro ) ma chi glielo ha permesso.

thumb profile
Salvatore

Solo 8 anni, per un'opera assurda autoelogiativa ...................esempio della negazione dell'architettura, come strumento per l'avanzamento della società!!

thumb profile
Salvatore

Solo 8 anni, per un'opera assurda autoelogiativa ...................esempio della negazione dell'architettura, come strumento per l'avanzamento della società!!

thumb profile
giorgio

concordo con Emilio: pura operazione di onanismo mentale fatta con i soldi degli altri (noi)

thumb profile
emiliobarrese@libero.it

la nuvola in natura e' eterea ,gassosa, impercettibile, libera da vincoli . Fuksas la sua" nuvola" l'ha ingabbiata in una struttura metallica prigioniera della volonta' di potenza, espressione del più bieco nichilismo imperante nell'epoca della tecnica.