Carrello 0
Archinti: un nome nobile per un contenitore poliedrico
CASE & INTERNI

Archinti: un nome nobile per un contenitore poliedrico

di Valentina Ieva

MARGStudio firma uno spazio di tradizione che muta nel tempo

20/07/2016 - Nell' edificio storico più importante di Mezzago (Monza e Brianza), MARGStudio  ha realizzato uno spazio mutevole e poliedrico, dedicato alla passione per la cucina. Spazio Archinti prende il nome dalla famiglia che divenne proprietaria del palazzo nel 1779.

Il progetto è concepito per gli spazi più antichi del palazzo, risalenti al XII secolo, utilizzati dalla comunità dei monaci dell'Ordine degli Umiliati, che vi lavoravano la lana.

L'esigenza dei giovani committenti era quella di accogliere piu sfide possibili, da una cena di 5 persone ad un evento di 150, senza rivoluzionarne il layout. Il risultato è uno "spazio dentro lo spazio" , grazie alla creazione di cubi in alluminio bianco, composti da quattro pareti, divise in 3 pannellature, che danno la possibilità alla struttura di assumere differenti configurazioni.

In fase di ristrutturazione sono state scelte delle finiture a cavallo tra il classico (pavimentazione esagoni fiorati) e l'ultra moderno (pandomo effetto cemento lisciato), tra le pareti a mattoni vivi e le sapienti gessature color avorio chiarissimo.

Particolare attenzione è stata rivolta al piccolo bar, dove ogni colore e finitura scelta diventa uno sfondo per i prodotti in vendita, preparati direttamente nelle cucine dagli chef. I tavoli, in legno grezzo di pino con gamba in ferro zincato, si sposano con le sedie provenienti dal nord Europa.

Salotto e sala da te, sala da pranzo e spazi intimi per la cena, Archinti si trasforma ogni volta in uno spazio diverso, uno spazio di tradizione che muta nel tempo.


 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati