Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Appalti di manutenzione fino a 1 milione, più chance per le imprese negli elenchi Consip

di Paola Mammarella

Le gare potranno svolgersi online sulla piattaforma Mepa, le imprese edili accreditate saranno invitate alle procedure negoziate

Vedi Aggiornamento del 29/07/2016
05/07/2016 - Anche gli appalti di lavori di manutenzione fino a un milione di euro approdano sul Mepa (Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione). Si tratta della piattaforma online, gestita dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef) e da Consip, la centrale di committenza nazionale che supporta le Amministrazioni nelle attività di acquisto.
 
La piattaforma finora è stata utilizzata solo per l’acquisto di beni e servizi, ma ora anche le imprese edili potranno accreditarsi al sistema per essere invitate alle procedure negoziate.
 
Le Stazioni Appaltanti non avranno l’obbligo di gestire le gare di manutenzione attraverso la piattaforma online, né le imprese dovranno necessariamente registrarsi. La procedura è infatti una possibilità offerta dalla Legge di Stabilità per il 2016, ma sicuramente darà delle chance di lavoro in più a chi deciderà di iscriversi negli elenchi del Consip.
 

Lavori di manutenzione, gare online sulla piattaforma Mepa

Sfruttando queste possibilità, Consip ha pubblicato sette bandi per le manutenzioni sotto il milione di euro. Potranno essere contrattate attraverso il Mepa le manutenzioni ordinarie e straordinarie rientranti nei seguenti settori:
- edile;
- stradale, ferroviario ed aereo;
- idraulico, marittimo e reti gas;
- impianti;
- ambiente e territorio;
- beni del patrimonio culturale;
- opere specializzate.
 
Le imprese interessate potranno accreditarsi al Mepa scegliendo se abilitarsi per i lavori di importo inferiore o superiore a 150mila euro. Dopo aver presentato la documentazione richiesta per la categoria di interesse ed essere state valutate da una commissione, potranno quindi esser invitate dalle Stazioni Appaltanti alle procedure negoziate.
 
Ricordiamo che, in base al Codice Appalti, per importi fino a 500mila euro bisogna invitare almeno cinque operatori, mentre tra i 500mila e un milione gli inviti devono essere almeno dieci (quindici in caso di beni tutelati).
 
Al momento di procedere ad un acquisto con procedura negoziata, la Stazione Appaltante si collegherà alla piattaforma e, dopo aver selezionato la procedura che le interessa, vedrà comparire le imprese con le caratteristiche per partecipare alla gara e inviterà il numero di operatori indicato dalla normativa.
 
Le procedure di selezione si svolgeranno online e saranno tracciabili in modo da garantire la trasparenza.
 

Lavori di manutenzione, il mercato della Pubblica Amministrazione

La novità avrà un impatto significativo. Il mercato delle manutenzioni assorbe infatti risorse rilevanti. In base ai dati diffusi da Consip, nel 2015 le Pubbliche Amministrazioni hanno speso 4,7 miliardi in lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria.
 
Sul totale, 2,5 miliardi sono stati investiti in procedure di importo inferiore a un milione di euro.
 
Secondo l’Associazione nazionale del costruttori edili (ANCE) l’iniziativa darà troppo potere alle singole stazioni appaltanti. Itaca (istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale) vede invece nell’iniziativa delle potenzialità positive.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati