Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, i tecnici chiedono sanatoria degli abusi per facilitarne l’attuazione
NORMATIVA Superbonus 110%, i tecnici chiedono sanatoria degli abusi per facilitarne l’attuazione
LAVORI PUBBLICI

Lombardia, bando da 15 milioni di euro aperto ai liberi professionisti

di Paola Mammarella

Dal 15 settembre le domande per partecipare a “Intraprendo” destinata a start-up, iniziative imprenditoriali e di auto-impiego

Vedi Aggiornamento del 25/01/2017
Commenti 6103
19/07/2016 – La Regione Lombardia ha stanziato 15 milioni di euro per l’iniziativa “Intraprendo”, che prevede contributi destinati a start-up, nuove iniziative imprenditoriali e di auto-impiego.
 
Novità principale è l’apertura ai liberi professionisti. Il bando annovera infatti tra i beneficiari: micro, piccole e medie imprese, aspiranti imprenditori, liberi professionisti e aspiranti liberi professionisti in forma singola.
 

Bando liberi professionisti

La richiesta di contributo può variare da un minimo di 25 mila euro fino a un massimo di 65 mila euro. Sono considerate ammissibili le spese con importo minimo o superiore ai 41.700 euro e l’agevolazione è variabile dal 60 al 65% del costo totale del progetto ammissibile.
 
Sono considerate ammissibili solo le spese sostenute per la realizzazione del progetto. La data delle fatture deve essere successiva a quella di presentazione della domanda.
 
Nello specifico, sono finanziabili le spese per: nuovo personale contrattualizzato, acquisto di beni strumentali materiali nuovi o usati o loro noleggio, acquisto di beni immateriali (marchi, brevetti, licenze, costi di prototipazione), licenze di software nel limite massimo del 20% delle spese totali ammissibili, servizi di consulenza fino ad un massimo del 25% delle spese totali ammissibili, af?tto dei locali della sede operativa, acquisto delle scorte ?no ad un massimo del 10% delle spese totali ammissibili, spese per utenze e commissioni.
 
Le domande potranno essere presentate a partire dal 15 settembre 2016, fino ad esaurimento fondi, e comunque non oltre il dicembre 2020.
 

Bando liberi professionisti, il commento del CoLAP

Positivo il commento del presidente del CoLAP, Emiliana Alessandrucci, che ha sottolineato come il bando richiami la Legge 4/2013 in base alla quale i professionisti devono essere iscritti ad una associazione presente negli elenchi del Ministero dello Sviluppo Economico.
 
“Il riferimento esplicito alla legge 4/2013 – ha affermato Emiliana Alessandrucci - è sinonimo di qualità e di garanzia per le Istituzioni; il professionista che vuole cogliere questa opportunità deve fornire garanzia alle Istituzioni, del resto anche alle aziende che intendono accedere ai fondi vengono richiesti espliciti requisiti, come l’iscrizione alla camera di commercio e l’assenza di situazioni di cassa integrazione”.
“A chi ci accusa di chiudere il mercato – ha continuato Alessandrucci - diciamo che il mondo associativo è variegato e ampiamente rappresentativo, quindi un professionista può scegliere l’associazione che meglio rappresenta la sua professionalità”.
 
“E’ un esempio della buona politica che sa ascoltare – ha commentato Nicola Testa, coordinatore del CoLAP Lombardia -  è un risultato per i nostri professionisti e per il territorio. Ora trasformiamo questo successo in uno strumento pratico, da subito ci mettiamo a lavoro per aiutare i professionisti a presentare i progetti”. 
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui