Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Ecobonus, lo sconto in fattura resta per i lavori in condominio sopra i 200mila euro
NORMATIVA Ecobonus, lo sconto in fattura resta per i lavori in condominio sopra i 200mila euro
NORMATIVA

Scia Unificata, in vigore il decreto

di Paola Mammarella

Moduli unici dal 1° gennaio 2017. A breve la ‘Scia 2’ con la tabella dei titoli abilitativi richiesti per ogni intervento edilizio

Vedi Aggiornamento del 19/06/2018
Commenti 15151
28/07/2016 - Entra in vigore oggi il decreto “Scia 1” (D.lgs. 126/2016) attuativo della Riforma Madia per la semplificazione dei rapporti con la Pubblica Amministrazione (Legge 124/2015).
 

Scia 1

Ad entrare in vigore subito sono i princìpi ispiratori. La palla passa ora alle Amministrazioni statali, che devono adottare, insieme alla Conferenza Unificata, i moduli unificati e standardizzati che definiscono esaustivamente, per tipologia di procedimento, i contenuti delle istanze, le procedure e i documenti da allegare.
 
I cambiamenti veri e propri nella vita di professionisti e imprese arriveranno dal 1° gennaio 2017. Fino ad allora, le Regioni e gli Enti locali dovranno adeguarsi pubblicando sui propri siti i modelli unificati e attivando le procedure semplificate.
 
La Scia Unificata prevede infatti tempi certi entro cui le Amministrazioni devono rispondere e il divieto di chiedere informazioni e documenti aggiuntivi rispetto a quelli previsti o di cui gli uffici pubblici sono già in possesso.
 
Il professionista dovrà quindi presentare un’unica Scia allo sportello unico dell'amministrazione interessata. Sarà poi questa a trasmettere la richiesta alle altre PA nel caso in cui siano necessarie altre autorizzazioni o verifiche preventive.
 
Contestualmente alla presentazione della Scia, che potrà avvenire anche online, l’Amministrazione rilascerà una ricevuta in cui dovrà indicare i tempi di risposta o il momento a partire dal quale si potranno calcolare i termini per la formazione del silenzio assenso.

Se dovesse essere necessaria la Conferenza di Servizi, i termini per la sua convocazione decorreranno dal rilascio di tutti i provvedimenti richiesti.
 
I lavori potranno invece iniziare subito se non sono richieste altre autorizzazioni o titoli espressi.
 
In caso di dichiarazioni mendaci o coinvolgimento di interessi sensibili, come ambiente e paesaggio, sarà adottato un provvedimento di sospensione.
 

Scia 2

Il decreto sulla Scia Unificata crea anche la premessa per l’adozione del decreto “Scia 2”, al momento in fase di discussione, che sta definendo con precisione gli interventi soggetti a Scia, quelli che necessitano del permesso di costruire e i casi in cui è ammesso il silenzio assenso. Il decreto contiene anche una tabella di sintesi  in cui, in corrispondenza dell’intervento da realizzare, si può consultare l’iter amministrativo da seguire.
 
Il decreto Scia 2 completerà quindi la semplificazione chiesta da molto tempo da professionisti e imprese del settore edile, sempre in dubbio sui titoli abilitativi necessari e sui moduli da utilizzare, che finora sono stati sempre diversi da Comune a Comune.
 
L’entrata a regime dei modelli unici e la definizione puntuale delle procedure per gli interventi edilizi creerà un panorama normativo omogeneo e al riparo da contenziosi.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus Casa: li conosci davvero? Scoprilo con il quiz! Partecipa