Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Demolire e ricostruire in zona A e nei centri storici, ecco quando si può
NORMATIVA Demolire e ricostruire in zona A e nei centri storici, ecco quando si può
RISPARMIO ENERGETICO

Impianti termici condominiali, entro il 31 dicembre 2016 dovranno essere autonomi

di Paola Mammarella

Multe fino a 2500 euro per condomìni e proprietari che non installeranno le valvole termostatiche e i nuovi contatori

Vedi Aggiornamento del 29/12/2016
Commenti 33954
27/07/2016 – Entro il 31 dicembre 2016 tutti gli impianti condominiali dovranno trasformarsi da centralizzati ad autonomi. Di conseguenza, i proprietari di appartamenti e i condomìni che entro questa data non si adegueranno agli obblighi sull’installazione dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore saranno puniti con multe da 500 a 2500 euro.
 
È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed è entrato in vigore il Decreto Legislativo 141/2016, che integra il D.lgs. 102/2014 con cui l’Italia ha recepito la Direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica.
 
La nuova norma prevede un’unica deroga: l’impossibilità tecnica. Che però deve risultare dalla relazione tecnica firmata da un progettista.
 

Contabilizzatori di calore negli appartamenti

Negli appartamenti diventa obbligatorio installare i sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore individuali entro il 31 dicembre 2016. Si tratta, in altri termini, delle valvole termostatiche che si posizionano sui termosifoni e dei sotto-contatori che consentono di conteggiare i consumi della singola utenza. La responsabilità dell’installazione è dei proprietari degli appartamenti, che in caso di inadempimento saranno multati con una sanzione amministrativa da 500 a 2500 euro per ogni unità immobiliare.
 
Se dalla relazione tecnica di un progettista emerge che l’installazione non è possibile, perché non conveniente in termini di costi, non sarà applicata nessuna multa a chi non si adegua.
 

Contabilizzatori di calore nei condomìni

I condomìni alimentati dal teleriscaldamento o teleraffrescamento, o da impianti centralizzati e comuni di riscaldamento e raffrescamento, entro il 31 dicembre 2016 devono installare contatori in grado di ripartire le spese in base ai consumi reali degli utenti, come previsto dalla norma UNI 10200.
 
Se la norma non risulta applicabile o se si riscontrano differenze di fabbisogno termico per metro quadro tra le unità immobiliari del condominio superiori al 50%, una quota pari almeno al 70% dei costi totali sarà ripartita secondo gli effettivi prelievi volontari di energia termica. La parte restante verrà suddivisa scegliendo altri metodi, come i millesimi, i metri quadri o i metri cubi utili e le potenze installate.
 
Anche in questo caso, i condomìni che non rispetteranno questi metodi di ripartizione delle spese saranno sanzionati con una multa da 500 a 2500 euro e saranno esonerati solo se una relazione tecnica firmata da un progettista attesta l’impossibilità tecnica di adottare i nuovi sistemi.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Fabio F.

Il problema dei negozio che hanno tolto i terminali è, a mio avviso, lo stesso che hanno i codòmini che hanno optato per il distacco dall'impianto centralizzato. Non potendo il condòmino rinunciare al bene comune, ed essendo loro stati originariamente connessi all'impianto, stante anche la definizione di CONSUMO INVOLONTARIO dalla UNI 10200, tutti i condòmini sembrano tenuti alla partecipazione alle spese di riscaldamento per la quota di "involontario" appunto. Di altro parete sembrano però i giudici che anche recentemente si sono espressi in materia alla ripartizione delle spese per chi si era distaccato dall'impianto di riscaldamento centralizzato.

thumb profile
valter

Se in un Condominio dei negozi hanno tolto i caloriferi per loro esigenze e fino ad oggi hanno ugualmente pagato secondo i millesimi con l'avvento dei contacalorie, di cui saranno sprovvisti perchè mancano i corpi scaldanti a cui applicarli, come ci si regolerà a fargli pagare quella quota relativa comunque alla dispersione delle tubazioni ? Il condominio in assemblea può stabilire una quota minima ? La legge che facoltà conferisce ? Grazie