Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, negli edifici collabenti la presenza dell’impianto si può autocertificare
NORMATIVA Superbonus, negli edifici collabenti la presenza dell’impianto si può autocertificare
URBANISTICA

Bando periferie, ok ad interventi di demolizione e ricostruzione di edifici pubblici

di Alessandra Marra

Dal Governo le nuove FAQ del bando da 500 milioni di euro: finanziabili anche interventi di contrasto al rischio idrogeologico

Vedi Aggiornamento del 07/04/2017
05/07/2016 - Gli interventi candidabili al Bando Periferie possono prevedere la demolizione e successiva ricostruzione di un edificio destinato ad uso pubblico se tale intervento è conforme allo strumento urbanistico vigente ed è opportunamente motivato.
 
Il chiarimento è contenuto nelle ultime FAQ pubblicate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri relative al “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane, dei comuni capoluogo di provincia e della città di Aosta” che mette a disposizione 500 milioni di euro.
 

Bando periferie: i chiarimenti sulle opere finanziabili

Le Faq chiariscono anche che, nell’ambito dei progetti “rivolti all’accrescimento della sicurezza e della capacità di resilienza urbana”,  sono finanziabili quelli che mirano al contrasto del rischio idrogeologico e dell’erosione costiera o volti al miglioramento  della sicurezza idraulica.
 
Viene sottolineato anche che la partecipazione economica dei privati per la quota di almeno il 25% del valore del progetto non deve essere necessariamente monetaria, ma può essere rappresentata, ad esempio, "dal conferimento di un immobile, da risorse umane ad esso dedicate e dalla formazione".
 
In più si specifica che tra i progetti che compongono la proposta è possibile candidare nella sua interezza un progetto che si suddivide in più lotti, di cui alcuni non finanziati ed altri già finanziati ed in corso di realizzazione, a condizione che l’intervento per il quale si richiede il finanziamento sia autonomamente fruibile.
 
Inoltre si spiega che le proposte progettuali possono riguardare strutture edilizie esistenti (da manutenere, riusare e rifunzionalizzare anche con sostituzione edilizia) destinate in misura totale o prevalente a edilizia residenziale di iniziativa pubblica.
 

Bando Periferie: le scadenze

Ricordiamo che i proponenti dovranno presentare i progetti entro 90 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, quindi entro il 30 agosto 2016.
 
Entro i successivi 90 giorni (28 novembre 2016), il Nucleo di valutazione dovrà terminare i suoi lavori. Entro 30 giorni dalla conclusione dei lavori del Nucleo di valutazione (28 dicembre 2016) si procederà alla stipula delle convenzioni e/o accordi di programma con i soggetti ammessi al finanziamento.
 
Leggi tutti i dettagli sul Bando Periferie
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Sondaggi Edilportale
Superbonus e cessione dei crediti, cosa sta succedendo?
Leggi i risultati
Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione