Carrello 0
Al MoMA la mostra 'Insecurities: Tracing Displacement and Shelter'
EVENTI

Al MoMA la mostra 'Insecurities: Tracing Displacement and Shelter'

di Valentina Ieva

Progetti e riflessioni sul tema dell’architettura effimera e del rifugio

10/10/2016 - In tempi di migrazioni globali si parla sempre più dell’architettura effimera e del rifugio. Fino al 22 gennaio 2017 al MoMA la mostra “Insecurities: Tracing Displacement and Shelter” indaga proprio il modo in cui i mondi dell’architettura, dell’arte e del design affrontano la nozione contemporanea di abitare. 

La retrospettiva nasce da un'idea di Sean Anderson e Arièle Dionne-Krosnick, curatori del dipartimento di architettura e design del museo newyorkese, e scaturisce da un dato numerico sconvolgente, offerto dalle Nazioni Unite: i profughi e i richiedenti asilo superano oggi i 65 milioni.

Gli stessi campi profughi, un tempo considerati temporanei, stanno diventando una condizione permanente dell'abitare. Sono luoghi da esaminare, dove diritti umani e processi di urbanizzazione sono strettamente legati.

Tra progetti e riflessioni di architetti, artisti e designer compaiono i rifugi modulari progettati dall’IKEA Foundation con la collaborazione dell’Agenzia Onu per i rifugiati. Ma anche i lavori di Teddy Cruz, architetto e urbanista con base a San Diego, che crea spettacolari installazioni sul tema della recinzione esplorando le dinamiche di conflitto al confine tra Stati Uniti e Messico.

Esposti anche i lavori di fotogiornalisti come Brendan Bannon, Henk Wildschut, Tobias Hutzler, fino a Tiffany Chung, artista vietnamita, che ha vissuto in prima persona gli esiti della guerra in Vietnam, che traduce in composizioni dalla vocazione grafica e pittorica mappe e dati statistici ricavati da fronti di guerra, come la Siria.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati