Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus Mobili, come funziona in caso di accorpamento o divisione degli immobili
RISTRUTTURAZIONE Bonus Mobili, come funziona in caso di accorpamento o divisione degli immobili
AMBIENTE

Terremoto, Ermete Realacci: 8x1000 alla ricostruzione dei beni culturali

di Alessandra Marra

Dai parlamentari la proposta di destinare le risorse per 10 anni al restauro del patrimonio storico-culturale danneggiato

Vedi Aggiornamento del 09/12/2016
Commenti 4833
07/11/2016 – Destinare l’8x1000 dello Stato, per almeno 10 anni, alla ricostruzione e al restauro del patrimonio storico-culturale delle aree colpite dal sisma che dal 24 agosto sta interessando il Centro-Italia.

Questa la richiesta avanzata dal Presidente della Commissione Ambiente della Camera Ermete Realacci, insieme ai colleghi Chiara Braga ed Enrico Borghi, in un’interrogazione al Presidente del Consiglio e ai Ministri dell'Economia e dei Beni Culturali e del Turismo.

Realacci, data la drammaticità dei danni subiti dal patrimonio storico-culturale delle aree colpite dal sisma, ha espresso la necessità di un flusso di finanziamenti certo e costante nel tempo.
 
Nell’interrogazione, quindi, il Governo è stato invitato ad assumere iniziative normative per vincolare, per almeno dieci anni, il gettito dell'8 x 100 destinato allo Stato elusivamente agli interventi di ricostruzione e di restauro dei beni artistici distrutti o danneggiati dal terremoto.
 
In questo modo si potrebbe garantire la tenuta delle comunità e la ripresa delle attività economiche mentre procedono i lavori per la messa in sicurezza delle aree terremotate.

Infine Realacci ha ricordato che questa finalità per i fondi dell'8x1000 è prevista dalla legge e viene incontro anche ad alcuni rilievi avanzati dalla Corte dei Conti sull’impiego di queste somme. La Corte ha più volte censurato, infatti, il disinteresse dei precedenti governi sull'uso e il relativo risultato dei fondi dell’8x1000 destinati alla Stato, che a norma di legge dovrebbero finanziare interventi per le calamità naturali, i beni culturali, l'assistenza ai rifugiati, la fame nel mondo e l'edilizia scolastica, e criticato anche la mancata pubblicità sulla destinazione dei fondi, che potrebbe incrementare il gettito a disposizione.

 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui