Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sismabonus 110%, come si calcolano i limiti di spesa
RISTRUTTURAZIONE Sismabonus 110%, come si calcolano i limiti di spesa
AZIENDE

Inaugurato Design Studio Milano, lo showroom milanese di AluK

di ALUK Group

Il nuovo showroom AluK è stato sviluppato per diventare un punto di riferimento per il mondo dell’involucro edilizio

Commenti 1799
30/11/2016 - È stato aperto ufficialmente Design Studio Milano, lo showroom sviluppato da AluK all’interno di Bovisatech, il nuovo polo del design, della ricerca e della tecnologia di Milano. Vicina alla Facoltà di Architettura e di Ingegneria, e al PoliHub, l’incubatore di impresa del Politecnico, la nuova struttura di 450 mq (300 mq al coperto e 150 mq all’esterno) oltre a offrire una panoramica delle soluzioni AluK, si pone come elemento di congiunzione dell’intera filiera dell’involucro edilizio.
 
Design Studio Milano, infatti, non è solo uno spazio espositivo, ma mira a proporsi come con un punto di dialogo e sperimentazione per il mondo accademico, progettisti, serramentisti, imprese edili, main contractor e anche per il mondo dell’informazione. Nella prima parte della giornata gli ospiti intervenuti hanno potuto esplorare l’ambiente hi-tech dello showroom e toccare con mano il nuovo prodotto che AluK presenterà al mercato: Infinium, lo scorrevole minimal design che permette di realizzare ante dalle grandi dimensioni, per valorizzare l’illuminazione e il comfort degli ambienti.
 
Comunicare al mercato in modo nuovo
Nella seconda parte ha aperto gli interventi Marco Pedrocchi, Managing director dell’azienda, che ha ringraziato i presenti sottolineando che Design Studio Milano, secondo in Europa dopo quello di Londra, si presenta come un laboratorio in cui si vuole mostrare cosa si può fare con l’alluminio. Il nuovo showroom, nel suo mix di design e tecnologia, ha voluto presentarsi e presentare i serramenti in alluminio in modo diverso, così come in generale occorre presentare in modo nuovo al mercato le soluzioni in alluminio.
 
Concetto questo ribadito dall’ingegner Giorgio Ubaldini, Responsabile marketing di AluK, che ha subito introdotto la presentazione di Pietro Gimelli. Il direttore generale di Unicmi ha voluto dare un’iniezione di fiducia illustrando, dati alla mano, che c’è ancora un mercato di 8 milioni di finestre. Nell’ultimo anno l’alluminio ha avuto un trend leggermente negativo attestandosi su una quota di mercato in valore del 37%. La contrazione dei pezzi venduti è stata parzialmente compensata da un riposizionamento su prodotti di media e alta gamma, con prezzi superiori: il serramento in alluminio costa il 4% in più del prezzo medio di mercato, ma va bene così, perché è più redditizio vendere il serramento in alluminio, solo che si deve arrivare ad argomenti capaci di sostenere il prezzo. Il mercato del resto è cambiato: il settore trainante è quello della riqualificazione-ristrutturazione. È necessario quindi parlare al consumatore finale per mettere in luce tutti i benefici del serramento in alluminio.
 
Per questa ragione da parte sua Unicmi, con il sostegno di AluK e di altre primarie aziende del settore, farà partire a breve una campagna di comunicazione digitale che per 12 mesi, attraverso campagne di digital advertising, social network e un sito dedicato, “martellerà” il web per sottolineare la qualità e la bellezza dei serramenti in alluminio. Perché solo sul web? Perché oramai il consumatore prima di decidere i propri acquisti, si informa su internet.
 
Grazie a un investimento di 400mila euro, la campagna Unicmi punterà ad ottenere 56 milioni di impressions e a portare 850mila potenziali clienti sul sito, convogliando la domanda sui siti delle aziende che vi avranno aderito. L’iniziativa è collegata al progetto di un marchio comune per il serramento in alluminio, che comprenderà necessariamente anche la posa in opera, un aspetto che non può più essere trascurato.
 
Infinium e anteprima del futuro C67K
Il testimone è passato quindi ad Alberto Beghetto, che ha avuto il compito di presentare le novità attuali e future. In anteprima assoluta è stata presentata la serie C67K, che sarà pronta per la metà del prossimo anno. Le parole d’ordine del nuovo sistema sono prestazioni, sicurezza e flessibilità produttiva, senza trascurare l’estetica. La serie C67K è stata studiata per velocizzare la produzione e facilitare la posa. Le prestazioni termiche sono d’alta gamma: un serramento campione ad un’anta può arrivare a una trasmittanza termica Uw di 0,9 W/m2K, eguagliando i risultati della 77IW, che al momento rappresenta la serie più performante.
 
Linee minimaliste e grandi specchiature per Infinium, il nuovo scorrevole che punta a soddisfare le attuali richieste del mercato grazie alla snellezza e bellezza delle sue linee. L’anta è completamente affogata all’interno della struttura del telaio, pertanto la vista frontale è completamente nascosta. La sezione centrale è di 21 mm.
 
Le ottime proprietà isolanti del sistema, in collaborazione con la vetrocamera, assicurano elevati standard di efficienza energetica. La trasmittanza termica Uw, con doppio vetro (Ug = 1,0 W/m2K e Psi di 0,05 W/mK), è inferiore a 1,3 W/m2K, mentre con triplo vetro (Ug = 0,5 W/m2K e Psi di 0,04 W/mK) l’Uw è inferiore a 1,0 W/m2K.
Il telaio è componibile a più vie: monorotaia, a due e tre vie (in uno step succssivo). È disponibile sia con apertura manuale che con apertura motorizzata.
 
La chiusura del cerchio
L’ultimo intervento è spettato all’ingegner Miro Giordano, Responsabile Develop Project Specification, che ha approfondito il ruolo di Design Studio Milano, grazie al quale AluK desidera diventare un consulente globale dell’involucro edilizio stringendo rapporti diretti con tutta la filiera. Sono già stati organizzati degli incontri formativi con progettisti e serramentisti sulle prestazioni dell’involucro, sull’efficienza energetica, sul BIM, ecc. L’azienda attualmente sta seguendo lo sviluppo delle proprie serie all’interno delle librerie BIM: un nuovo modo di progettare che consentirà di controllare in un unico modello digitale tutte le informazioni salienti, legate sia alla progettazione sia agli aspetti costruttivi e di gestione.
 
In conclusione Marco Pedrocchi ha voluto ricordare gli obiettivi e i valori del brand AluK, un’azienda che desidera presentarsi come un designer dei sistemi in alluminio, capace di dare forma ai pensieri e alle aspettative dei propri clienti. AluK desidera focalizzarsi sempre più sulle loro esigenze, dimostrando di essere un partner professionale, disponibile, intraprendente e affidabile. Obiettivo? Essere uno dei principali attori del mondo dell’alluminio, riconosciuto e rispettato a livello internazionale per la sua qualità, il suo servizio, la sua esperienza e il suo supporto.

ALUK Group su Edilportale.com
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui