Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Efficienza energetica, assegnati ai Comuni oltre 522 milioni di euro per il 2020
AMBIENTE Efficienza energetica, assegnati ai Comuni oltre 522 milioni di euro per il 2020
AZIENDE

Tegole e coppi Wierer e Braas per coperture ‘a piccoli elementi’

di Monier

Commenti 1992
04/11/2016 - Tegole e coppi. I tetti che ci circondano sono generalmente coperti da ‘elementi piccoli’. Ecco alcune considerazioni per comprenderne il perché.

Una scelta storica
Il patrimonio architettonico - e non solo quello storico - intorno a noi è caratterizzato da coperture realizzate con una moltitudine di materiali: argilla, pietra, legno o impasti minerali.

Talvolta più ‘classiche’ altre volte contemporanee, le tegole, i coppi, le piccole lastre o le scandole, si sono evolute nel tempo, si sono distinte in funzione delle materie prime (che in origine dovevano essere facilmente reperibili in loco) e hanno dato luogo a soluzioni estetiche e funzionali differenti, ma sempre efficaci.

Questo si deve alla loro capacità di tenuta all’acqua, di resistenza alle sollecitazioni esterne e agli agenti atmosferici ma anche alla nota e comprovata affidabilità dovuta al fatto di basarsi su un sistema consolidato che si pratica da secoli, estremamente flessibile e adattabile alle diverse geometrie.

Tradizionale non significa ‘antiquato’
Nelle architetture di oggi, il desiderio di definire un edificio con nuove forme e volumi può indurre a scegliere altri tipi di materiali e di formati. Tuttavia anche nell’ambito dei manti di copertura a piccoli elementi sono disponibili soluzioni sorprendenti e innovative.
I principali vantaggi da conoscere:
La copertura ‘a piccoli elementi’, sotto il profilo estetico:
è adattabile alle diverse forme e geometrie ed è facilmente componibile
asseconda pendenze variabili e cambiamenti di direzione delle falde
può coprire ampie superfici
consente un’ampia scelta di materiali e colori
si declina in forme, colori e textures estremamente varie, che ‘muovono’ e rendono viva la sommità dell’edificio (la cosiddetta ‘quinta facciata’, come la definiva Giò Ponti)
si copre di quella piacevole ‘patina del tempo’ che è certamente un plus

La copertura ‘a piccoli elementi’, sotto il profilo funzionale:
è caratterizzata da una grande affidabilità (riparo dall’acqua e dalle intemperie anche violente, ottima resistenza agli sbalzi termici ed alle improvvise folate d’aria...)
dura a lungo nel tempo (80-100 anni o più) e ne sono una riprova i tanti casali, castelli ed edifici storici che costellano la nostra penisola
determina effetti benefici in termini di comfort igrotermico, sia d’estate, sia d’inverno
è stabile e sicura
si posa facilmente
consente una facile e veloce manutenzione con la semplice sostituzione degli elementi costituenti il manto
consente di realizzare abbaini, lucernari ed altri manufatti
è ricca di accessori e pezzi speciali
permette di evitare sprechi di materiale; il semilavorato del processo produttivo è totalmente riciclabile
non rilascia sostanze inquinanti nell’ambiente
è completamente riciclabile anche alla fine della sua vita d’esercizio
 

MONIER su Edilportale.com

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui