Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, via libera alla detrazione anche con abusi edilizi
RISTRUTTURAZIONE Superbonus, via libera alla detrazione anche con abusi edilizi
FOCUS

Infiltrazioni d’acqua, le soluzioni per eliminarle

di Alessandra Marra

I migliori rimedi per impermeabilizzare pareti, coperture e terrazzi umidi di case e condomini

Vedi Aggiornamento del 01/06/2021
  Commenti 178407
10/11/2016 – L’arrivo delle piogge autunnali determina spesso l’aumento dei problemi legati alle infiltrazioni che, se non adeguatamente risolti, causano danni alle strutture, degrado dei materiali, umidità e diminuzione del comfort abitativo.
 
Le infiltrazioni possono interessare le pareti verticali e le coperture e possono essere causate da guasti negli impianti idrici (rottura di tubazioni), dalla mancanza di un adeguato strato di impermeabilizzazione che protegga l’ambiente da precipitazioni o condizioni metrologiche avverse o dalla risalita capillare.
 

Infiltrazioni nelle coperture: cause e rimedi

Le piogge abbondanti che producono in poche ore delle grandi quantità d’acqua rendono necessarie soluzioni impermeabilizzanti efficaci per coperture e terrazzi.
 
Per prima cosa bisogna verificare che non vi siano rotture o sconnessioni degli elementi di rivestimento delle coperture. In più se manca un’adeguata impermeabilizzazione l’acqua può facilmente trovare un percorso libero per infiltrarsi.
 
L’impermeabilizzante, infatti, serve a impedire il passaggio dell'acqua negli strati sottostanti e generalmente va posizionato dopo l'isolante termico (che si trova dopo il massetto pendente e l’eventuale barriera antivapore) e prima del rivestimento superiore.
 
Le sollecitazioni dinamiche e fisiche cui sono sottoposte le strutture da impermeabilizzare (come coperture, terrazzi, balconi ecc) implicano che lo strato impermeabilizzante possegga elevate caratteristiche prestazionali, in quanto non solo deve garantire l’impermeabilità, ma deve anche aumentare la durabilità della struttura assecondandola nelle sue deformazioni.
 
Quando si agisce su edifici esistenti, prima di procedere alla scelta dell’impermeabilizzante è necessario verificare lo stato di conservazione dei supporti sui quali si andrà ad intervenire. In base ai risultati delle verifiche si potrà scegliere la tipologia di intervento: impermeabilizzazione in sovrapposizione alla pavimentazione esistente, impermeabilizzazione previa rimozione della pavimentazione esistente o infine demolizione di pavimentazione e massetto con ripristino totale. 

Inoltre, nelle impermeabilizzazioni, più che in ogni altro settore, è importante non trascurare la posa che deve essere meticolosa e deve garantire la continuità anche in punti quali gli attacchi della ringhiera, gli scarichi, le canalette, i raccordi tra verticale ed orizzontale, i giunti e gli altri punti critici.
 
Ecco una panoramica delle diverse tipologie di impermeabilizzazioni per coperture, ricordando che non esiste un prodotto adatto per ogni circostanza, ma la tipologia migliore di impermeabilizzante dipende dalla situazione e può essere valutata solo da un tecnico competente.


Membrane prefabbricate bituminose

Le membrane bituminose derivano dalla distillazione del petrolio, generalmente sono prefabbricate (si trovano in commercio in rotoli), e spesso provviste di armatura (in velo vetro, rete in vetro tessuto, poliestere non tessuto ecc). Di solito necessitano di protezione superficiale, data in genere dalla pavimentazione, o dalla ghiaia, che viene realizzata al di sopra e hanno una buona resistenza meccanica.
 
Tra le membrane prefabbricate bituminose c’è DERBIGUM® Safe di DERBIGUM, applicata con uno speciale adesivo senza l’uso di fiamme libere, che garantisce la settorizzazione della copertura grazie alla totale adesione dell’elemento di tenuta al supporto.
 

Un altro esempio è PROTEADUO di INDEX, una membrana impermeabilizzante costituita da più strati di natura diversa ma tra loro sinergici, per svolgere funzioni specifiche, posizionati in vario modo in funzione di tali funzioni.

POLIMAT PRO di BITUVER è una membrana bitume-polimero con flessibilità a freddo di – 10° C, specificatamente studiata per l’impermeabilizzazione professionale.

MEMBRANE PREFABBRICATE BITUMINOSE >> VEDI TUTTE
 
VEDI TUTTE LE AZIENDE:   

Membrane prefabbricate polimeriche

Una membrana sintetica polimerica è un manto impermeabile, generalmente prefabbricato, in cui non è presente bitume o lo è in una percentuale minore al 50%. Sono commercializzate in teli arrotolati e si dividono in base alla loro composizione, ovvero in base al polimero principale di cui sono costituite, come ad esempio in PVC o  polietilene. Possono essere armate o non, con conseguenti differenze nella calpestabilità e hanno buona resistenza meccanica e una buona elasticità che permette alla membrana di assorbire forti escursioni termiche e di sopportare i piccoli movimenti ed assestamenti che dovessero esserci tra il supporto e il pavimento.
 
Un esempio è FIRESTONE RUBBERGARD di WATERPROOFING ITALIA, con membrana in gomma EPDM, con nerofumo, agenti vulcanizzanti ed altri additivi di processo, che viene calandrata in teli di grandi dimensioni e poi vulcanizzata.
 

MEMBRANE PREFABBRICATE POLIMERICHE: VEDI TUTTE
 
VEDI TUTTE LE AZIENDE:   

Membrane autoadesive

Le guaine adesive, bituminose e non, si incollano al piano di posa per semplice pressione a temperatura ambiente, senza la necessità di fiamma; di conseguenza è un sistema a freddo in cui la posa avviene con modalità e precauzioni simili tipiche della tipologia. 
 
Tra le membrane autoadesive c’è anche PROTETTO di PLUVITEC con posa termoadesiva che consente di posare il prodotto a secco, particolarmente indicata sulle strutture e supporti dove è sconsigliato l’impiego diretto della fiamma, e con armatura composita in tessuto non tessuto con elevate caratteristiche meccaniche.

MEMBRANE AUTOADESIVE: VEDI TUTTE
 
VEDI TUTTE LE AZIENDE:   

Membrane autoprotette ed ardesiate

Le membrane autoprotette sono quelle in cui è possibile che lo strato impermeabile venga lasciato “a vista”, ovvero esposto agli agenti atmosferici. Per resistere alle intemperie e ai raggi UV sono composte da un manto superficiale capace di proteggere la membrana. Lo strato di protezione può essere ardesiato o con lamiere di rame o alluminio. Quelle rivestite in rame o di alluminio sono più costose ma non sono soggette ad usura, problema di cui risentono quelle ardesiate.
 
Un esempio è AUTOTERMOADESIVO di THERMAK BY MATCO, una membrana impermeabilizzante autotermoadesiva pluristrato autoprotetta, sulla faccia superiore, con scaglie di ardesia che riducono l’assorbimento del calore sulla superficie migliorando la durabilità della membrana.
 

C’è poi ALUSHIELD di POLYGLASS, una membrana, prefabbricata, autoprotetta con una lamina di alluminio, goffrata durante la calandratura in continuo. É armata con un tessuto di vetro ad elevata resistenza e la mescola è a base di bitume ossidato fillerizzato (BOF).

MEMBRANE AUTOPROTETTE ED ARDESIATE
 
VEDI TUTTE LE AZIENDE:   

Impermeabilizzazioni liquide
A differenza delle membrane prefabbricate le impermeabilizzazioni liquide permettono una maggiore versatilità in quanto l’applicazione permette di agire su tutta la superficie, senza la possibilità di lasciare punti scoperti. Sono altamente resistenti ai ristagni d’acqua, ai raggi UV, alle intemperie ed ai cicli di gelo e disgelo.
 
Nel caso in cui la pavimentazione esistente risulti integra e ben ancorata al substrato, si potrà impermeabilizzare i balconi e le terrazze, anche se già piastrellati, senza la rimozione della vecchia pavimentazione, realizzando un pacchetto impermeabilizzante-adesivo-piastrella generalmente non superiore a 15 mm.
 
Un esempio è AQUABIT di DIASEN, una guaina liquida impermeabilizzante, monocomponete, dall'elevata capacità di riempimento e regolarizzazione della superficie da utilizzare, che serve per impermeabilizzare in spinta positiva balconi, terrazzi, tetti, scossaline, gronde ecc.  manufatti cementizi o in cls in generale. 

Qualora si cerchi una soluzione pratica e veloce per proteggere dall'acqua il terrazzo si può optare per Ripara Terrazza di TECNORED, un trattamento idrorepellente protettivo trasparente, formulato a base di composti polissilossanici e copolimeri poliuretanici ad elevata penetrazione.
 

IMPERMEABILIZZAZIONI LIQUIDE >> VEDI TUTTE
 
VEDI TUTTE LE AZIENDE:


Prodotti impermeabilizzanti a base cementizia

Sono una particolare tipologia di impermeabilizzanti protettivi formulati sottoforma di malta con composti elastomerici che permettono al preparato di deformarsi insieme al manufatto senza distaccarsi. Tali impermeabilizzanti cementizi vengono utilizzati per le superfici in calcestruzzo, per la rasatura elastica impermeabile di intonaci micro fessurati, per superfici in calcestruzzo soggette a deformazione sotto carico e per impermeabilizzare interni ed esterni prima della posa in opera di piastrelle in ceramica o simili. 
 
Tra gli impermeabilizzanti cementizi c’è MAPELASTIC TURBO di Mapei, applicabile anche a basse temperature, con alta umidità ambientale e con sottofondi non perfettamente asciutti per impermeabilizzare terrazzi e balconi, sia su massetti di nuova realizzazione che in sovrapposizione al rivestimento esistente.
 

Un altro esempio è offerto da SISTEMA COPERNICO Copelastic Ultra, con sistema di posa in opera a spruzzo della malta impermeabilizzante resino-cementizia elastica.
 

PRODOTTI IMPERMEABILIZZANTI A BASE CEMENTIZIA >> VEDI TUTTI
 
VEDI TUTTE LE AZIENDE:   

Sistemi impermeabilizzanti accoppiati a termoisolanti

Esistono dei sistemi impermeabilizzanti che fungono anche da isolamento termico grazie all’ottima tenuta all’aria e all’acqua. Di solito sono pannelli isolanti piani e preincisi accoppiati a membrane bitume polimero elastoplastomeriche ideali per l’isolamento dei tetti, dei sottotetti, delle pareti verticali e dei pavimenti non calpestabili.
 
Un esempio è ROTOLO O LASTRA IN XPS, un sistema isolante e impermeabilizzante in rotolo o lastre, composto dall’accoppiamento di una membrana bituminosa e un pannello coibente in polistirene estruso XPS.


SISTEMI IMPERMEABILIZZANTI ACCOPPIATI A TERMOISOLANTI >> VEDI TUTTI
 
VEDI TUTTE LE AZIENDE:   


Infiltrazioni per risalita capillare: cause e soluzioni

Le infiltrazioni di acqua per risalita riguardano generalmente le murature a diretto contatto con terreni umidi o falde acquifere a causa di fenomeni di risalita capillare o forze elettro-osmotiche. Particolarmente colpiti da questo fenomeno sono infatti i locali interrati, le cantinole o tavernette di ville singole. Sono diverse le metodologie moderne per risolvere questo tipo di umidità. Eccone alcune.
 

Sistemi antiumidità a barriera chimica

Questa soluzione si avvale della tecnologia dello sbarramento orizzontale mediante una barriera chimica di resine impermeabilizzanti che non permettono la risalita dell’acqua. Generalmente l'applicazione avviene secondo le normali regole della tecnica di iniezione, sia ad alta che a bassa pressione, inserendo il liquido impermeabile all’interno della parete attraverso dei fori posti ad un’altezza di circa 10 centimetri dal pavimento.
 
Tra i sistemi antiumidità a barriera chimica c’è TRIPLEZERO di VOLTECO, un'emulsione cremosa a base di polimeri silanici-silossanici organo-modificati pronta all'uso, superidrofobica, che forma uno scudo estremamente resistente all'umidità.
 

Tra i sistemi che funzionano in spinta negativa c’è AQUASTOP T di DRACO ITALIANA, un impermeabilizzante epossicementizio tricomponente, a base di speciali resine ed inerti che lo rendono un prodotto di eccezionale resistenza alla pressione negativa, al continuo contatto con umidità o venute d’acqua e ai sali più aggressivi presenti in natura.
 

SISTEMI ANTIUMIDITÀ A BARRIERA CHIMICA >> VEDI TUTTI
 
VEDI TUTTE LE AZIENDE:   

Deumidificazione elettrofisica non invasiva

La deumidificazione elettrofisica è un metodo per l'eliminazione dell'umidità da risalita che utilizza dispositivi dotati di generatori di impulsi elettromagnetici che introducono nel muro un campo elettromagnetico che entra in interazione energetica con le molecole dell’acqua e la loro struttura colloidale, contrastandone la risalita.
 
Tra questi sistemi c’è Deumidificazione DOMODRY, che neutralizza alla radice la capacità dell’acqua di lasciarsi attrarre dalle murature, assicurando l’immediato e definitivo arresto dell’umidità.

Un altro esempio è GENIÉ LIGHT 100 di TECNOVA GROUP un sistema elettrofisico per l'eliminazione dell'umidità di risalita capillare nelle murature con esclusiva tecnologia a “risonanza d’impulsi in multifrequenza”.

C’è anche POLOPPOSTO un dispositivo mirato a contrastare l’umidità di risalita nelle strutture edilizie, privo di controindicazioni e utilizzabile in tutte le strutture.
 

DEUMIDIFICAZIONE ELETTROFISICA NON INVASIVA >> VEDI TUTTE
 
VEDI TUTTE LE AZIENDE:
TECNOVA GROUP®
S.K.M. Soluzioni Kalibrate per Murature
DOMODRY
Polopposto Italia
Melloncelli

Per approfondire i sistemi sull'impermeabilizzazione in fondazione vedi lo scorso Focus sull'impermeabilizzazione delle fondazioni.
 

Infiltrazioni per perdite negli impianti

Per risolvere il problema dell'umidità per infiltrazioni dovute a perdite nelle tubazioni, bisogna procedere con degli interventi significativi sugli impianti idrici dell'abitazione, con dei costi consistenti.
 
Di conseguenza i danni provocati dalle infiltrazioni per perdita (che provocano macchie di umido e presenza di muffa sui muri) sono tra le cause principali di contenziosi. In questo caso è importante risalire alla causa non solo per risolvere il problema, ma per capire chi deve sostenere le spese di riparazione.
 
Numerose pronunce della giurisprudenza che hanno regolato casi simili. Ad esempio il Tribunale di Modena, con la pronuncia 193/2016 ha spiegato che tutto ruota intorno alla gravità e agli effetti prodotti dal danno. È fondamentale capire se ci si trova in presenza di un vizio dell’opera, che non incide sulla fruibilità dell’immobile, o di un difetto di costruzione che può compromettere in modo più o meno grave l’abitabilità dell’immobile.
 
Se l’impresa deve pagare un risarcimento, che normalmente viene determinato dal giudice, anche il condominio può essere chiamato a rispondere dei danni. La Corte d’Appello di Lecce con la sentenza 905/2015 ha confermato quanto espresso da molte altre pronunce spiegando che il condominio, per la sua funzione di custode del bene, è sempre responsabile dei danni provocati ai singoli dalle parti comuni e deve adottare tutte le precauzioni necessarie.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui