Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Qualità dell’architettura, riparte l’iter della legge
PROFESSIONE Qualità dell’architettura, riparte l’iter della legge
NORMATIVA

Efficienza energetica e ristrutturazioni, i bonus per le singole abitazioni

di Paola Mammarella

Ecobonus 65%, detrazione 50% e Bonus Mobili confermati senza variazioni dal disegno di legge di Bilancio 2017

Vedi Aggiornamento del 15/06/2017
Commenti 15128
02/11/2016 - Nessuna variazione per gli incentivi sull’efficientamento energetico e la ristrutturazione delle singole unità immobiliari. L’Ecobonus 65%, la detrazione 50% e il Bonus Mobili continuano per il 2017 con gli stessi meccanismi con cui hanno funzionato fino ad ora. Questo è quanto previsto dal disegno di legge di Bilancio 2017.
 

Ecobonus 65%

Gli interventi di efficientamento energetico delle singole unità immobiliari, realizzati fino al 31 dicembre 2017, potranno usufruire della detrazione fiscale del 65%. Tra gli interventi agevolabili, lo ricordiamo, rientrano i lavori sull'involucro, l'installazione di pannelli solari, la posa di schermature solari e la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.
 
Non cambiano i meccanismi per usufruire dell’inventivo.
 
I pagamenti dovranno essere effettuati con bonifico bancario o postale e il rimborso avverrà in dieci anni, con rate di pari importo. Sarà inoltre necessario conservare tutta la documentazione inerente all’intervento e ai pagamenti.
 
I tetti di spesa incentivabile varieranno in base ai lavori effettuati. Si andrà da un minimo di 30mila euro, ad esempio per la sostituzione degli impianti di climatizzazione, ad un massimo di 100mila euro per interventi di riqualificazione globale.

In base alla relazione allegata al disegno di legge, il valore della misura è stimato in 2,2 milioni di euro.
 

Detrazione 50% sulle ristrutturazioni

Prorogata fino al 31 dicembre 2017 anche la detrazione del 50% sulle ristrutturazioni edilizie delle singole unità immobiliari.
 
Anche in questo caso i meccanismi restano gli stessi, cioè tetto di spesa a 96mila euro e rimborso in dieci rare annuali di pari importo. Rientrano tra gli interventi incentivabili, lo ricordiamo, anche la manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, interventi su immobili danneggiati da calamità naturali, acquisto e costruzione di box e posti auto, eliminazione delle barriere architettoniche, interventi per la prevenzione degli illeciti, cablatura e riduzione dell’inquinamento acustico, acquisto e installazione di impianti fotovoltaici, bonifica dall’amianto, interventi anti infortunio, acquisto di immobili ristrutturati.
 
L’agevolazione copre anche altri costi, come la progettazione dei lavori, l’acquisto dei materiali, le perizie e gli oneri di urbanizzazione.

Le agevolazioni, si legge nella relazione, apporteranno un beneficio pari a 2,9 milioni di euro. 
 

Bonus Mobili

Fino al 31 dicembre 2017 si potrà richiedere il Bonus Mobili, cioè la detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione iniziata nel 2016.
 
Il tetto di spesa resterà fermo a 10mila euro e non cambieranno neanche le regole per il rimborso, che avverrà in dieci rate annuali di pari importo.

Nel 2017 il Bonus Mobili darà impulso, si legge nella relazione, a una spesa pari a 1,7 miliardi di euro.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui