Carrello 0
RISTRUTTURAZIONE

Cinema, in Gazzetta il fondo da 120 milioni di euro per chi ristruttura le sale

di Alessandra Marra
Commenti 3739

Bonus volumetrici per la demolizione e ricostruzione. Ad aprile 2017 le istruzioni per beneficiare degli incentivi

Vedi Aggiornamento del 05/01/2018
Commenti 3739
29/11/2016 – È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Disciplina del cinema e dell’audiovisivo che detta i principi fondamentali dell'intervento pubblico a sostegno del cinema e dell'audiovisivo. Tra le altre cose, la legge destina 120 milioni di euro dal 2017 al 2021 ad un Piano straordinario per il potenziamento, la ristrutturazione e la realizzazione di sale cinematografiche.
 

Sale cinematografiche: incentivi per chi investe

Il provvedimento dà avvio ad un Piano straordinario da 120 milioni di euro in 5 anni per incentivare chi ristruttura e investe in nuovi cinema.
 
Il Piano prevede 30 milioni di euro per ciascuno degli anni 2017, 2018 e 2019, 20 milioni di euro per l'anno 2020 e 10 milioni di euro per l'anno 2021, per la concessione di contributi a fondo perduto finalizzati a:

- la riattivazione di sale cinematografiche chiuse o dismesse;
- la realizzazione di nuove sale, anche mediante acquisto di locali per l'esercizio cinematografico e per i servizi connessi;
- la trasformazione delle sale o multisale esistenti in ambito cittadino finalizzata all'aumento del numero degli schermi;
- la ristrutturazione e all'adeguamento strutturale e tecnologico delle sale;
- l'installazione, la ristrutturazione, il rinnovo di impianti, apparecchiature, arredi e servizi complementari alle sale.
 
Le disposizioni applicative (definizione dei soggetti beneficiari, limiti massimi d’intensità di aiuto e altre condizioni per l’accesso al beneficio e la sua gestione) saranno indicate in un DPCM che dovrà essere emanato entro il 10 aprile 2017, cioè 120 giorni dalla data di entrata in vigore (11 dicembre 2016) del provvedimento.
 
Inoltre, la Legge dispone che, nel quadro delle iniziative per la riqualificazione urbana e la rigenerazione delle periferie e delle aree urbane degradate, le Regioni e le Province autonome possono introdurre previsioni urbanistiche ed edilizie dirette, anche in deroga agli strumenti urbanistici, a favorire e incentivare il potenziamento e la ristrutturazione di sale cinematografiche e centri culturali multifunzionali, anche mediante interventi di demolizione e ricostruzione che prevedano il riconoscimento di una volumetria aggiuntiva rispetto a quella preesistente come misura premiale e le modifiche della sagoma necessarie per l’armonizzazione architettonica con gli organismi edilizi esistenti.
 

Cinema storici: più facile la dichiarazione di interesse culturale

Con la nuova Legge viene anche agevolato il riconoscimento della ‘dichiarazione di interesse culturale’ per le sale cinematografiche, previsto dall’articolo 10, comma 3, lettera d), del codice dei beni culturali e del paesaggio (Dlgs 42 del 22 gennaio 2004). Grazie a questo intervento sarà possibile favorire la conservazione e la valorizzazione delle sale storiche attraverso il vincolo di destinazione d'uso.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Il programma del Governo Conte bis. Come realizzarlo? Partecipa