Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Appalti, Anac bocciata sulle raccomandazioni vincolanti

di Paola Mammarella

Il Consiglio di Stato chiede di intervenire col correttivo al Codice o con un’interpretazione più morbida

Vedi Aggiornamento del 19/07/2018
03/01/2017 – La possibilità che l’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) possa dare raccomandazioni vincolanti alle Stazioni Appaltanti non piace al Consiglio di Stato. Con il parere 2777/2016 su uno dei regolamenti attuativi del Codice Appalti, i giudici hanno proposto due soluzioni: una modifica “alla radice”, in sede di correttivo, o un’interpretazione più morbida dei nuovi poteri dell’Anac.
 
Il Consiglio di Stato ha espresso il suo parere sul decreto che regola l’attività di vigilanza che l’Anac esercita nei confronti delle Stazioni Appaltanti. Ma a finire sotto accusa non è stato tanto il testo della norma attuativa, quanto lo stesso Codice Appalti (Dlgs 50/2016).
 

Codice Appalti: vigilanza e raccomandazioni Anac

In base all’articolo 211, comma 2, del Codice Appalti, se l’Anac riscontra dei vizi di legittimità negli atti di gara, può chiedere alla Stazione Appaltante di porre rimedio entro sessanta giorni. Si tratta di una “raccomandazione vincolante” e se la Stazione Appaltante non si adegua entro i termini previsti è punita con una multa da 250 euro a 25mila euro.
 
La raccomandazione è impugnabile. Ciò significa che la Stazione Appaltante può in un certo senso opporsi, ma il tutto ha ripercussioni sul suo rating reputazionale.
 

Codice Appalti: i dubbi del Consiglio di Stato

Il Consiglio di Stato ha da sempre mostrato perplessità su questi poteri vincolanti attribuiti all’Anac. Secondo i giudici da una parte si rischia “l’eccesso di delega” dato che la Legge 11/2016 non prevede questa possibilità, dall’altra si possono innescare contenziosi tra le Stazioni Appaltanti e l’Anac. Con ripercussioni negative sui tempi per lo svolgimento delle gare.
 
I giudici hanno quindi prospettato due soluzioni. La prima, più radicale, consiste nella revisione della norma in sede di correttivo al Codice Appalti. La modifica dovrebbe avvenire quindi a monte nel Codice. L’altra soluzione prospettata dal CdS è un’interpretazione basata sul principio di leale collaborazione col Governo. In caso di dissenso, prima di andare allo scontro, la Stazione Appaltante potrebbe chiedere all’Anac il riesame della raccomandazione vincolante.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
maurizio

Le imprese ci vanno a nozze con questo caos. Più che mezzi, operai e tecnici, hanno ormai alle dipendenze avvocati e azzeccagarbugli.


x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati