Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Milano, pubblicato il bando per il masterplan dell’area Expo 2015

di Rossella Calabrese
Commenti 5874

Gara internazionale da 2 miliardi di euro per realizzare il Parco della Scienza, del Sapere e dell’Innovazione

Vedi Aggiornamento del 29/11/2017
Commenti 5874
05/01/2017 - È stato pubblicato martedì il Bando di gara internazionale per la selezione del partner privato per la redazione del Masterplan per il “Parco della Scienza, del Sapere e dell’Innovazione” che sorgerà nell’area che ha ospitato Expo Milano 2015.
 
Via libera dunque alla ricerca dell’operatore tecnico, economico e finanziario che supporterà Arexpo, la società che ha il compito di valorizzare e sviluppare il sito di oltre un milione di metri quadri a nord ovest di Milano.
 
Il “Parco della Scienza, del Sapere e dell’Innovazione” - spiega la società - comprenderà le sedi dello Human Technopole e il Campus delle facoltà scientifiche dell’Università degli Studi di Milano, che costituiranno importanti elementi di attrazione per le numerose imprese nazionali e internazionali di primario standing che hanno già manifestato il loro interesse ad insediarsi in questa area. Il progetto manterrà la superficie a parco di 440mila metri quadri.
 
Arexpo intende quindi selezionare un operatore economico con il quale realizzare una partnership per la rigenerazione dell’Area, attraverso un contratto misto di appalto e concessione.
 

La gara per il Parco della Scienza, del Sapere e dell’Innovazione

La gara, del valore stimato di 2 miliardi di euro, prevede due fasi: nella prima fase verranno svolte le attività di advisory tecnica, economica e finanziaria, a supporto di Arexpo, per la definizione del Masterplan per la trasformazione territoriale dell’intera Area, nonché per l’ideazione ed elaborazione del Piano economico e finanziario (Business Plan) dello sviluppo complessivo della stessa Area.
 
Nella seconda fase, invece, verranno svolte le attività di attuazione del Masterplan e del Piano Industriale finalizzate allo sviluppo dell’Area, che comprenderà dunque anche le attività di progettazione, costruzione delle opere e gestione degli spazi. A tale fine verrà stipulato un contratto di concessione della durata massima di 50 anni, a fronte del pagamento di un canone ad Arexpo, della parte dell’area non riservata allo sviluppo diretto da parte di Arexpo. Il contratto prevedrà un diritto di superficie in favore del concessionario per una estensione di Superficie Lorda di Pavimento non inferiore a 250.000 mq.
 

Chi può partecipare

La gara (procedura ristretta ai sensi dell’art. 61 del Dlgs 50/2016) è rivolta ad operatori, nazionali ed internazionali, presumibilmente in forma aggregata, con esperienze pregresse nella realizzazione di progetti analoghi e, comunque, caratterizzati da alti livelli di complessità, innovazione e qualità urbanistica e architettonica.
 

Scadenze del bando

La gara verrà aggiudicata a favore dell’offerta economicamente più vantaggiosa (ai sensi dell’art. 95 del Dlgs 50/2016) e prevedrà il termine del 28 febbraio 2017 per la presentazione delle richieste di invito: entro il 6 febbraio 2017 potranno essere presentate ad Arexpo le richieste di chiarimenti relativamente ai contenuti del bando di gara.
 
La procedura della gara prevede che, dopo la presentazione delle richieste di invito, siano ammessi, in 30 giorni, gli operatori che siano in possesso dei requisiti richiesti, i quali avranno ulteriori 90 giorni per la presentazione della loro proposta progettuale ed economica.
 
Questo percorso dovrebbe esaurirsi entro l’estate 2017, mentre la selezione finale e la stipula del contratto con l’operatore del affiancherà Arexpo nel progetto del Parco della Scienza avverrà entro la fine dell’anno.
 
La gara sarà presentata agli operatori il 10 gennaio 2017 a Milano nella sede operativa di Arexpo e il giorno successivo a Londra presso la residenza dell’Ambasciata d’Italia.
 

Giovanni Azzone e Giuseppe Bonomi, Arexpo

“Il nostro obiettivo è quello di realizzare nell’ex area Expo un progetto che non ha uguali in Italia e che si potrà confrontare con gli esempi più virtuosi di trasformazione urbana a livello internazionale. Abbiamo scelto - afferma Giovanni Azzone, presidente di Arexpo - di puntare per questo luogo sui grandi temi del futuro: la ricerca pubblica e privata nel campo della salute, del benessere, della cura alle persone e di unire questo progetto ad un grande polo universitario. La gara per la selezione di chi ci accompagnerà in questo percorso è un passo avanti rilevante e conferma quanto annunciato nei mesi scorsi”.
 
“In pochi mesi di attività, la nuova Arexpo ha posto le basi per la realizzazione di un grande Parco del Sapere e dell’Innovazione. In accordo con tutti gli azionisti sono state approvate le Linee Guida della società e preparato la gara internazionale che parte oggi per la scelta del partner per la definizione del Masterplan e per lo sviluppo successivo. Si tratta di un passaggio importante - spiega Giuseppe Bonomi, amministratore delegato di Arexpo - che viene attuato utilizzando un modello assolutamente innovativo nel pieno rispetto di tutte le procedure nazionali ed europee, un modello che ci consentirà di operare al meglio per realizzare un obiettivo ambizioso che ha una grande valenza che supera certamente i nostri confini nazionali”.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui