Carrello 0
AB Medica: un Headquarter tra comfort e velocità
ARCHITETTURA

AB Medica: un Headquarter tra comfort e velocità

di Valentina Ieva

A Cerro Maggiore il progetto di DEGW con Giuseppe Tortato

02/02/2017 - AB Medica, società specializzata nello sviluppo e nella distribuzione di sofisticati robot medici e analisi del DNA, si è rivolta a DEGW, con la collaborazione di Giuseppe Tortato, per un nuovo progetto di Space Planning.

Il progetto sviluppato unisce gli aspetti funzionali espressi dalla società committente, alla volontà di demarcazione di un contesto periurbano affiancato dal tratto autostradale della Milano-Varese.
 
Ispirato agli scafi di imbarcazioni super veloci, il volume architettonico incarna la dinamicità e l’innovazione di un gruppo all’avanguardia nell’attenzione al risparmio energetico e al benessere psicofisico dei lavoratori.
 
Un edificio ‘veloce’ e funzionale e al tempo stesso rappresentativo, nelle sue forme, delle attività che contiene e dell’azienda che racconta. Ecosostenibilità, industria, creatività e sperimentazione, esposizione solare, sono gli elementi principali del progetto.

Lo Space Planning delle aree ufficio è stato affrontato in vista di una piena valorizzazione delle superfici e delle diverse profondità di piano, distribuendo le postazioni lavoro (chiuse e in open space) lungo il perimetro dello spazio e implementandole con un’anima centrale di supporti.
 
Il risultato è un Hub diffuso, formato da copy area, break area, lockers, aree informali in nicchia e meeting room che si snodano intorno a un lungo e sinuoso bench su disegno destinato a postazioni touchdown e creano un ambiente mixed use dove la produttività formale incontra relazioni di lavoro più colloquiali e istantanee, sfruttando pozzi di luce naturale proveniente da lucernari e patii interni triangolari.

La scelta delle finiture si è focalizzata su una palette con due tonalità cromatiche dominanti: quelle fluide dell’acquaticità e quelle algide della tecnologia, sommandovi i valori di trasparenza, cura, affidabilità e comfort dati dai materiali utilizzati.
Particolari soluzioni sono state studiate per la reception, il cui banco richiama le forme fluidodinamiche di un’imbarcazione, e l’area accoglienza e ristorazione al piano terra: qui il ristorante aziendale, con la combinazione di una sequenza di sedute in nicchia e tavoli, e un’area con sale meeting, postazioni open space e zone informali, si affiancano offrendo molteplici possibilità d’uso.

Il verde si integra inscindibilmente al manufatto architettonico, diventando materia stessa della costruzione, per contribuire al suo isolamento e alla qualità di vita di chi ne fruisce.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati