Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, non passano la proroga al 2023 e l’estensione a professionisti e imprese
NORMATIVA Superbonus, non passano la proroga al 2023 e l’estensione a professionisti e imprese
NORMATIVA

Sabatini ter, dal 1° marzo le domande per gli investimenti di Industria 4.0

di Paola Mammarella

Il Ministero dello Sviluppo Economico spiega come richiedere i contributi per tecnologie digitali e tracciamento rifiuti

Vedi Aggiornamento del 05/04/2018
Commenti 8547
22/02/2017 – Dal 1° marzo 2017 le imprese potranno presentare domanda di finanziamenti agevolati per gli investimenti rientranti nei programmi Sabatini-ter e Industria 4.0.
 
Si tratta delle agevolazioni potenziate introdotte dalla Legge di Bilancio 2017 per gli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti. Per gli investimenti “ordinari”, cioè l’acquisto di impianti, macchinari e attrezzature, già incentivati dalla precedente edizione della Nuova Sabatini, lo sportello è invece già aperto dal 2 gennaio.
 
Le nuove scadenze e la modalità per la presentazione delle istanze sono state rese note dal Ministero dello Sviluppo Economico con due recenti provvedimenti.
 

Nuova Sabatini e Industria 4.0

Ricordiamo che la Nuova Sabatini è stata introdotta dal Decreto del Fare (DL 69/2013) per concedere finanziamenti agevolati alle Pmi interessate ad acquistare beni strumentali nuovi. Le Pmi possono chiedere, alle banche aderenti all’iniziativa, finanziamenti compresi tra 20mila e 2 milioni di euro. Il Mise concede un contributo in favore delle Pmi, che copre parte degli interessi a carico delle imprese sui finanziamenti bancari ottenuti. Il contributo, nel caso di investimenti ordinari, è pari all’ammontare degli interessi, calcolati su un piano di ammortamento convenzionale con rate semestrali, al tasso del 2,75% annuo per cinque anni.
 
La Legge di Bilancio 2017, oltre ad aver prorogato la misura fino al 31 dicembre 2018 e ad averla rifinanziata con 560 milioni di euro, ha introdotto una riserva, pari al 20% del nuovo stanziamento, per l’acquisto di impianti, macchinari e attrezzature finalizzati alla realizzazione di investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti (Industria 4.0). Questi ultimi investimenti usufruiscono di una maggiorazione del contributo pari al 30%.
 

Nuova Sabatini e Industria 4.0, le scadenze

Per gli investimenti ordinari lo sportello del Mise ha riaperto il 2 gennaio 2017.
 
Per gli investimenti che godono del contributo maggiorato, con la circolare 14036/2017 il Mise ha definito le modalità di presentazione delle domande di agevolazione per usufruire del contributo maggiorato, calcolato su un tasso di interesse annuo del 3,575%. Qualche giorno dopo, col Decreto direttoriale 811/2017 ha stabilito che le imprese potranno presentare le istanze a partire dal 1° marzo 2017.
 
Si dovrà utilizzare il nuovo modulo di domanda (release 4.0) che il Mise metterà a disposizione nella sezione dedicata alla Nuova Sabatini. All’interno del nuovo modulo le imprese dovranno indicare la ripartizione tra investimenti ordinari e investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Partecipa