Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sblocca Cantieri, ecco l’elenco delle opere prioritarie
LAVORI PUBBLICI Sblocca Cantieri, ecco l’elenco delle opere prioritarie
FINANZIAMENTI

Nuova Sabatini, da oggi le imprese possono richiedere i finanziamenti agevolati

di Alessandra Marra

A disposizione delle MPMI risorse tra 20 mila e 2 milioni di euro per tecnologie digitali e sistemi di tracciamento rifiuti

Vedi Aggiornamento del 03/11/2017
Commenti 7399
01/03/2017 – Da oggi le imprese possono presentare domanda di finanziamenti agevolati per gli investimenti previsti dalla Nuova Sabatini nell'ambito del programma Industria 4.0.
 
A stabilirlo il Decreto 16 febbraio 2017 che definisce l’avvio delle procedure per usufruire delle agevolazioni per gli investimenti in tecnologie digitali (hardware e software) e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti. (Per gli investimenti “ordinari”, cioè l’acquisto di impianti, macchinari e attrezzature, già incentivati dalla precedente edizione della Nuova Sabatini, lo sportello è invece già aperto dal 2 gennaio 2017).
 

Nuova Sabatini e Industria 4.0: credito all’innovazione

La misura si rivolge a tutte le micro, piccole e medie imprese (MPMI) presenti sul territorio nazionale, indipendentemente dal settore economico in cui operano.
 
Le Pmi possono chiedere, alle banche aderenti all’iniziativa, finanziamenti compresi tra 20 mila e 2 milioni di euro. Il Mise concede un contributo in favore delle Pmi, che copre parte degli interessi a carico delle imprese sui finanziamenti bancari ottenuti. Il contributo, nel caso di investimenti ordinari, è pari all’ammontare degli interessi, calcolati su un piano di ammortamento convenzionale con rate semestrali, al tasso del 2,75% annuo per cinque anni ed è maggiorato del 30% per investimenti in tecnologie Industria 4.0.

Per gli investimenti che godono del contributo maggiorato, con la circolare 14036/2017 il Mise ha definito le modalità di presentazione delle domande di agevolazione.
 

Nuova Sabatini e Industria 4.0: presentazione domande

Per usufruire dell’agevolazione le Pmi dovranno presentare, da oggi ed entro il 31 dicembre 2018, la domanda utilizzando il nuovo modulo (release 4.0) che il Mise metterà a disposizione nella sezione dedicata alla Nuova Sabatini. All’interno del nuovo modulo le imprese dovranno indicare la ripartizione tra investimenti ordinari e investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.
 
La banca o l’intermediario finanziario, previa verifica, delibererà il finanziamento e trasmetterà al Ministero, a partire dal 1° aprile 2017, la richiesta di prenotazione delle risorse relative al contributo.
 
Entro 5 giorni lavorativi dalla ricezione della richiesta di prenotazione, il Ministero comunicherà alla banca o all’intermediario finanziario la disponibilità, parziale o totale, delle risorse erariali. Le richieste di prenotazione saranno soddisfatte, secondo l’ordine di presentazione, fino a concorrenza della disponibilità delle risorse.
 

Incentivi alle imprese: Sabatini e Industria 4.0

Ricordiamo che la Nuova Sabatini è stata introdotta dal Decreto del Fare (DL 69/2013) per concedere finanziamenti agevolati alle Pmi interessate ad acquistare beni strumentali nuovi.
 
La Legge di Bilancio 2017, oltre ad aver prorogato la misura fino al 31 dicembre 2018 e ad averla rifinanziata con 560 milioni di euro, ha introdotto una riserva, pari al 20% del nuovo stanziamento, per l’acquisto di impianti, macchinari e attrezzature finalizzati alla realizzazione di investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti (Industria 4.0). Questi ultimi investimenti usufruiscono di una maggiorazione del contributo pari al 30%.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, lo conosci davvero? Scoprilo con il quiz! Partecipa