Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Sottotetto trasformato in abitazione, quali bonus spettano in condominio
RISTRUTTURAZIONE Sottotetto trasformato in abitazione, quali bonus spettano in condominio
NORMATIVA

Tax credit alberghi, nessun tetto per l’acquisto di mobili

di Alessandra Marra

L’emendamento alla Manovrina approvato prevede anche che i tempi per la dismissione degli arredi passino da 2 a 8 anni

Vedi Aggiornamento del 25/11/2019
Commenti 7756
26/05/2017 – Il credito d'imposta per gli alberghi potrà essere utilizzato senza alcun tetto massimo per l'acquisto di mobili purché i beni acquistati non siano ceduti per otto anni. A prevederlo un emendamento alla Manovrina approvato negli scorsi giorni.
 

Tax credit alberghi: nessun tetto per l’acquisto di mobili

L’emendamento rimodula il Tax Credit in favore degli alberghi, eliminando il tetto massimo di spesa previsto per l’acquisto di mobili e complementi d’arredo.
 
Al momento, infatti, il Tax credit prevede un tetto per l'acquisto di mobili del 10% delle spese sostenute per le ristrutturazioni edilizie, per una spesa massima che può arrivare a 200.00 euro.
 
Con la proposta di modifica, il credito d’imposta (introdotto al 30% dall’Art Bonus e innalzato al 65% con la proroga al 2019 prevista dalla Legge di Bilancio 2017) potrà essere destinato integralmente all'acquisto di mobili.
 
Unico vincolo imposto dall’emendamento è che “il beneficiario non ceda a terzi né destini a finalità estranee all'esercizio d’impresa i beni oggetto degli investimenti prima dell'ottavo periodo d'imposta successivo”.
 

Credito d’imposta per gli alberghi: i commenti

Il presidente di FederlegnoArredo, Emanuele Orsini, ha espresso soddisfazione per l’approvazione dell’emendamento: “Sono molto felice di questo risultato; sono certo che darà un contributo importante per la riqualificazione delle strutture alberghiere, incrementando in tal modo la qualità della nostra recettività”.
 
Tuttavia Confindustria Alberghi e FederlegnoArredo hanno individuato una criticità nelle tempistiche di dismissione degli arredi, passato da 2 a 8 anni.
 
“L'emendamento approvato è un segnale importante di attenzione al nostro settore che sulle riqualificazioni è fortemente impegnato – dichiara Giorgio Palmucci, Presidente Associazione Italiana Confindustria Alberghi. “Dobbiamo sottolineare una criticità riguardo ai tempi di dismissione degli arredi, che il provvedimento porta ad 8 anni, ma confidiamo che su questo punto si possano poi trovare soluzioni più vicine alle esigenze del settore.” 
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui