Carrello 0
Bali: è ispirato a Giò Ponti il ristorante di Lazzarini Pickering
CASE & INTERNI

Bali: è ispirato a Giò Ponti il ristorante di Lazzarini Pickering

di Cecilia Di Marzo

Reinterpretazione contemporanea dell'ospitalità classica italiana

26/07/2017 - "Da Maria è il nostro ritratto di Maurice Terzini a Bali. Il "Bali Style" non sarebbe stato adatto per l'idea che Maurice aveva per questo ristorante: servire cibo italiano molto semplice e fresco in un ambiente tropicale". Esordiscono così Lazzarini Pickering Architetti nel descrivere il progetto del ristorante Da Maria a Bali.

"In 'Da Maria' volevamo creare uno spazio fresco con aria condizionata in cui si respirasse come in un giardino. Maurice aspirava ad una reinterpretazione contemporanea dell'ospitalità classica italiana. Avevamo bisogno di dargli un ristorante che rappresentasse quella idea.

Il concetto centrale è stato quello di creare un cortile-giardino italiano ispirato a quelli degli anni '60 a Capri e in Costiera Amalfitana. Normalmente avevano semplici fontane. Anche gli alberi di gomma erano popolari in quel periodo con le loro lussureggianti foglie verde scuro. Anche Bali è ricca di fontane e di alberi di gomma, quindi c'è anche una connessione locale con la versione italiana.

Nel 1960, Giò Ponti creò un iconico hotel a Sorrento chiamato Parco dei Principi , il primo "Hotel Design". Progettò tutto, incluse le magnifiche piastrelle grafiche.

Poichè in 'Da Maria' l'elemento più visibile è il soffitto, abbiamo deciso di prendere alcuni motivi Ponti e di ingrandirli e manipolarli al fine di creare un soffitto molto grafico che legasse i lucernari, le divisioni tra le stanze e il lungo e inclinato muro lungo il lato. Abbiamo poi proseguito l'idea super grafica sulle altre superfici: dove le diagonali linee Ponti incontrano le pareti, diventano strisce. Abbiamo, quindi, introdotto una seconda grafica, che somiglia alle piastrelle, sui bar e fontane. Tutto è stato accuratamente dipinto a mano da artisti incredibili.
Abbiamo preso questi semplici elementi e abbiamo creato 'Da Maria'. Ispirato alle immagini passate, appare molto terzo millennio e non somiglia a nessun altro ristorante al mondo.

I lampadari utilizzano semplici illuminazioni da festa che sarebbero stati utilizzati nei ristoranti dei cortili italiani degli anni '60 (e lo sono ancora). Bali è anche piena di queste luci, quindi volevamo creare qualcosa di diverso. Abbiamo deciso di creare un lampadario circolare. L'effetto è molto bello, ma realizzato con un elemento molto povero e poco costoso.

Tutto è stato fatto a Bali. Le sedie e i tavolini sono la nostra versione dello stile francese "fer forgé".

La porte-cochère offre un ingresso coperto con boutique a sinistra e reception sulla destra. In asse il primo bar, poi il ristorante, due forni per pizza e una cucina aperta e infine il bar con giardino. Alla fine c'è il cortile esterno per cenare al fresco anche se nel ristorante si respira già come in un cortile ...
Da Maria a Bali è molto attuale, ma senza tempo. Sembra sia lì da sempre. Un classico senza tempo, come gli altri ristoranti che abbiamo progettato per Maurice, senza dubbio uno dei più grandi ristoratori del mondo e una continua fonte di ispirazione per noi ".

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Claudio Manachino

Sarebbe bello bastasse fare citazioni per riuscire. Questa è fin troppo riuscita come citazione ma per questo, effettivamente non ha nulla di personale. L'avanguardia di Ponti probabilmente già era un esercizio stilistico difficile da assimilare. Non vedo accoglienza e valori italiani.

thumb profile
stefano

mi permetto di dire, dopo aver passato diversi mesi a Bali, che questa proposta progettuale è completamente avulsa dal contesto territoriale. Una esercitazione riuscita davvero male.

thumb profile
Paola

accogliente? mi sembra freddo e pretenzioso


x Sondaggi Edilportale
Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati