Carrello 0
La nuova vita del Dopolavoro sull'Isola delle Rose di Venezia
CASE & INTERNI

La nuova vita del Dopolavoro sull'Isola delle Rose di Venezia

di Cecilia Di Marzo

Matteo Thun&Partners per il JW Marriott Venice Resort & Spa

28/07/2017 - Il progetto del Dopolavoro rientra nel più ampio intervento di recupero di un’intera isola artificiale nella Laguna Veneziana, rinominata Isola delle Rose e riconvertita in resort di lusso con ristorante, spa, parco e ville su progetto di Matteo Thun&Partners. Situato accanto al molo di attracco privato dell’isola, il Dopolavoro era uno dei circa venti edifici del primo Novecento, che includevano un ospedale, diversi alloggi e servizi per gli impiegati, oggetto dell’intervento.

Dal 1930 era l’unico edificio dell’isola ad avere mantenuto la stessa funzione di svago e relax, ma versava in estremo stato di abbandono. Oggi è uno dei quattro ristoranti e bar del resort 5* di lusso JW Marriott Venice Resort & Spa, già insignito di una stella Michelin.

L’intervento architettonico ha riguardato il restauro della facciata originale e il ripristino del layout dell’edificio. La pianta originale del fabbricato è stata mantenuta invariata attraverso un restauro delle rifiniture esterne e l’utilizzo di vetrate che creano continuità con l’ambiente esterno. La parte posteriore dell’edificio, non più ripristinabile, è stata riproposta nel totale rispetto del suo valore storico ma con un nuovo linguaggio architettonico. Una nuova struttura aperta in acciaio ripercorre come un’eco la silhouette di quella originaria ottenendo un’area dedicata ai tavoli all’aperto. Lo spazio è circondato da orti coltivati che riforniscono quotidianamente il ristorante di prodotti stagionali e freschi.

La facciata sud del retro dell’edificio, infine, l’unico rimasto intatto, è stata mantenuta e i suoi contorni utilizzati nella progettazione di portali in metallo in sostituzione della sezione mancante.

L’interior design si distingue per la sua particolare eleganza e intimità ed è stato ideato per integrarsi perfettamente in un ambiente dal valore storico e caratterizzato da muri con mattoni originali a vista. Domina lo spazio il grande bar centrale in pietra pregiata, dai tipici toni verdi e marroni della Laguna. Il primo piano ospita un private dining.

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Ristrutturare il patrimonio edilizio, quanto contano le detrazioni fiscali? Partecipa