Carrello 0
PROGETTAZIONE

Edilizia scolastica, entro agosto investimenti per 2,6 miliardi di euro

di Paola Mammarella

Otto nuove scuole, poli per l’infanzia, adeguamento sismico, messa in sicurezza dei solai, ripristini post-sisma

Vedi Aggiornamento del 06/04/2018
19/07/2017 – Saranno sbloccati a breve 2,6 miliardi di euro per l’edilizia scolastica. Lo ha annunciato il Ministro per l’Istruzione, l’Università e la ricerca, Valeria Fedeli, durante la conferenza stampa che ha illustrato il programma 2014-2018 e il lavoro svolto per la messa in sicurezza e riqualificazione del patrimonio immobiliare scolastico. 
 
Le risorse fanno parte dei 9,5 miliardi complessivi stanziati dal 2014 ad oggi e saranno spalmati su dieci linee di intervento.
 

2,6 miliardi per 10 linee di intervento

1. Il 21 luglio prossimo sarà firmato un decreto da 26,4 milioni di euro per interventi di adeguamento sismico degli edifici scolastici.
 
2. Il 25 luglio sarà la volta del decreto per la costruzione di 8 nuove scuole da realizzare con modalità di finanziamento e costruzione innovative. Per questi interventi saranno sbloccati 20 milioni di euro. In questo ambito il Ministro ha rivolto un ringraziamento speciale agli architetti Renzo Piano, che ha progettato un prototipo di scuola come civic center, e Mario Cucinella, che per la prima volta ha attuato la progettazione partecipata con un gruppo di studenti.
 
3. Giovedì 27 luglio sarà firmato il decreto per la ripartizione regionale dello stanziamento Inail da 150 milioni di euro destinato alla realizzazione di nuovi poli per l’infanzia. Il decreto sarà poi portato in Conferenza Stato-Regioni. La progettazione degli interventi avverrà sulla base di un concorso di idee e ai vincitori potranno essere affidati i livelli successivi della progettazione. 
 
4. Altri 10 milioni saranno destinati per il 2017 e il 2018 al ripristino della funzionalità delle scuole e alla realizzazione di strutture modulari nelle aree colpite dal sisma. Le modalità saranno definite con un decreto che sarà firmato venerdì 28 luglio.
 
5. Nella stessa giornata il Miur presenterà una proposta di decreto interministeriale per la nuova programmazione unica nazionale 2018-2020 degli interventi di edilizia scolastica, che potrà contare su 1,7 miliardi di euro.
Questo stanziamento è stato annunciato lo scorso febbraio. Le risorse da destinare ad interventi di messa in sicurezza, saranno erogate accendendo mutui pluriennali agevolati con la Banca europea per gli investimenti (BEI).
 
6. Sarà firmato il 31 luglio il decreto che assegnerà 321 milioni di euro agli interventi di adeguamento sismico e messa in sicurezza a seguito delle indagini diagnostiche per le Province e le Città metropolitane. Ricordiamo che con la legge sulla Buona Scuola nel 2015 sono stati stanziati 40 milioni di euro per  le indagini diagnostiche su solai e controsoffitti. Dai sopralluoghi effettuati nel 2016 è emersa la necessità di una serie di interventi di messa in sicurezza. Nei giorni scorsi il Governo, nel comunicare come saranno impiegate le risorse del Fondo Investimenti, ha reso noto che 341 milioni andranno agli interventi post-indagini diagnostiche.
 
7. Il 2 agosto sarà siglata la convenzione che assegnerà 100 milioni di euro alle indagini di vulnerabilità sismica degli edifici situati nelle aree a rischio sismico 1 e 2. Lo stanziamento è stato previsto lo scorso febbraio dal Ministro dell'Istruzione con un emendamento all'ultima legge per il sostegno alle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016. Una delle condizioni previste è che il 20% delle risorse sia destinato alle quattro regioni colpite (Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo).
 
8. 6 milioni di euro andranno alle nuove indagini diagnostiche sui solai e i controsoffitti, utili a prevenire fenomeni di crollo. Il decreto sarà pronto entro il 7 agosto. Le risorse faranno scorrere la graduatoria del 2015, che ha reso possibili 7mila indagini con 40 milioni di euro.
 
9. Il 9 agosto sarà pubblicato l’avviso PON Scuola da 350 milioni di euro per l’adeguamento sismico, la messa in sicurezza antincendio e il conseguimento dell’agibilità in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.
 
10. Sarà infine lanciata il 10 agosto l’anagrafica dei responsabili della sicurezza nelle scuole. Questo permetterà che i responsabili siano facilmente individuabili e ricevano una formazione adeguata.
 

Edilizia scolastica, i numeri del Miur

Dal 2014 al 2017, ha spiegato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Ministri, Maria Elena Boschi, sono stati aperti 7238 cantieri (in totale in italia ci sono più di 42mila scuole). Più di 5mila sono stati chiusi e, entro la fine del 2017 ne saranno conclusi altri 780. In totale i lavori hanno riguardato la ristrutturazione e il consolidamento degli edifici esistenti, ma anche la realizzazione di 303 nuove scuole, 209 delle quali sono state completate.

"Non è sufficiente stanziare miliardi - ha affermato il Ministro Valeria Fedeli - ma renderli trasparenti. Stiamo andando concretamente verso il fascicolo elettronico per ogni edificio - ha aggiunto - per avere certezze suglle spese e sugli interventi effettuati o da programmare". Con questo obiettivo è stato riattivato, dopo vent'anni, l'osservatorio sull'edilizia scolastica.
 
Come spiegato da Laura Galimberti, coordinatore della struttura di missione per l’edilizia scolastica di Italia Sicura, gli interventi integrano didattica e architettura per la creazione di spazi “belli” e idonei a favorire metodi di apprendimento innovativi. Perchè, ha concluso citando Loris Malaguzzi, "l'edificio scolastico diventi un educatore".
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Ristrutturare il patrimonio edilizio, quanto contano le detrazioni fiscali? Partecipa