Carrello 0
Inaugurato a Milano il Campus di Humanitas University
ARCHITETTURA

Inaugurato a Milano il Campus di Humanitas University

di Valentina Ieva

Il progetto di Filippo Taidelli per dissolvere i confini e contaminare il sapere

16/11/2017 - E' stato inaugurato il 14 novembre, in occasione dell’apertura dell’Anno accademico 2017/2018, il nuovo Campus di Humanitas University di Pieve Emanuele.

La nuova architettura si ispira al concetto di moltiplicare le occasioni di incontro tra docenti, ricercatori, visitatori e giovani allievi. Mangiare agli stessi tavoli, lavorare in team, sorseggiare insieme un caffè, leggere in biblioteca o soffermarsi in tutti quegli spazi informali dove è possibile scambiare conoscenza.  
 
È a questa vision che risponde il disegno progettuale del Campus internazionale di Humanitas University, a ridosso dell’Ospedale, su progetto dello Studio FTA dell’architetto Filippo Taidelli

Il progetto del Campus comprende tre volumi - l’edificio polifunzionale con mensa, biblioteca e funzioni comuni, il polo della didattica con il Simulation Center e i laboratori di ricerca - che si organizzano intorno a una piazza aperta verde sulla quale si affacciano grandi vetrate in corrispondenza degli ingressi principali dove lo spazio è fluido, caratterizzato da doppie e triple altezze, con ampie terrazze utilizzabili come aule all'aperto. 

L’articolazione in altezze e volumi irregolari non solo rende varia e gradevole la composizione architettonica, ma è studiata per avere un orientamento ottimale degli edifici, integrandoli nel contesto.

Orientamento e forma sono pensati per aumentare l’apporto solare estivo e ridurre le dispersioni invernali dell’involucro, mentre le corti interne vetrate garantiscono il massimo apporto di luce naturale e di continuità tra interno ed esterno, limitando l’uso della corrente elettrica per l’illuminazione.

Fiore all'occhiello del Campus Humanitas è il Simulation Center: un luogo in cui fare pratica in ambito medico e chirurgico, e in cui sono ricostruiti in modo fedele gli ambienti di una moderna struttura ospedaliera. 

Queste le strategie adottate in merito al risparmio energetico:
- facciata ventilata con rivestimento in grès
- pannelli fotovoltaici e solari termici
- impianto di Building management system (Bms)
- impianto di riscaldamento con pompa di calore geotermica
- classe energetica CENED A3.

Accanto al nuovo campus sorgerà una residenza universitaria di circa 8 mila mq per 240 posti letto, progettata anch’essa dallo Studio FTA di Filippo Taidelli e gestita, a disposizione di studenti e ricercatori, la cui apertura è prevista per l'estate 2018.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Ristrutturare il patrimonio edilizio, quanto contano le detrazioni fiscali? Partecipa