Carrello 0
Natura fa rima con scultura, dove arte e ambiente si fondono
AMBIENTE

Natura fa rima con scultura, dove arte e ambiente si fondono

di Paola Mammarella

I luoghi in cui passeggiata al parco e visita al museo diventano un’unica esperienza

05/02/2018 – Gita all’aria aperta o visita ad un museo? Ci sono luoghi in cui è possibile fare entrambe le cose contemporaneamente. Sono i parchi popolati da sculture e opere d’arte immerse nella vegetazione.
 
Eccone alcuni.
 

MUSABA – Fondazione Spatari/Maas, Mammola (Reggio Calabria)

Le opere presenti all'interno del parco sono dell’artista-architetto Nik Spatari. Tra queste spicca la “Rosa dei Venti”, realizzata a partire dal 2008 riutilizzando le pietre delle antiche rovine e ceramiche colorate. Nel museo, Spatari ha realizzato anche la “Art residence foresteria” che ospita gli artisti in undici “celle d’arte” con 22 posti letto.
Foto: autostradadelmediterraneo.it
 

Giardino dei Tarocchi, Capalbio (Grosseto)

Il giardino è stato ideato dall'artista franco-statunitense Niki de Saint Phalle, che si è ispirato al Parc Guell di Antoni Gaudì di Barcellona. passeggiando nel verde ci si imbatte in statue ispirate alle figure degli arcani maggiori dei tarocchi. L'opera, cui hanno collaborato artisti e architetti di fama internazionale, è stata completata nell'estate del 1996 ed è costata oltre 10 miliardi di lire, finanziati interamente dall'autrice.
Foto: giardinodeitarocchi.it
 

Arte Sella, Borgo Valsugana (Trento)

Opere a contatto con l’ecosistema, installazioni create con materiali naturali e mai con elementi artificiali. È questa l’idea di fondo del progetto. Il parco, in attività da trent’anni, si arricchisce costantemente perché sempre aperto agli artisti.
Foto: cultura.trentino.it
 

Parco delle sculture del Chianti, Ponte a Bozzone (Siena)

National Geographic lo annovera tra i dieci parchi più belli del mondo. È nato nel 2004 dalla passione per l’arte dei coniugi Giadrossi. Oltre alle installazioni, create da artisti provenienti da tutto il mondo, il parco offre un ricco calendario di concerti.
 Foto: ecomuseochianti.org
 

Giardino di Daniel Spoerri, Grosseto

la sperimentazione, iniziata negli anni Novanta dall'artista svizzero Daniel Spoerri, è continuata fino ad oggi. Nel parco ci sono più di cento opere di diversi artisti.
Foto: visittuscany.com
 

Fondazione Burri, Città di Castello (Perugia)

Il parco sorge attorno ad un ex complesso industriale per l'essiccazione del tabacco. Nel 1966, dopo l’alluvione di Firenze, la strumentazione venne messa a disposizione per il prosciugamento dei libri della Biblioteca Nazionale Centrale. Da allora l’interesse per la cultura non è mai cambiato. Oggi i giardini e gli edifici riqualificati ospitano installazioni artistiche e un ricco calendario di eventi.
 Foto: fondazioneburri.org
 

Sacro Bosco, Bomarzo (Viterbo)

È il parco con opere d’arte più antico. È nato intorno al 1550 dall’idea del principe Vicino Orsini e dell'architetto Pirro Ligorio. Passeggiando nel boschetto si incontrano animali e soggetti mitologici scolpiti nei massi. Ha affascinato artisti del calibro di Goethe e Dalì.
Foto: sacrobosco.it
 

Fiumara d'arte, Castel di Tusa (Messina)

Dall’idea del collezionista Antonio Presti è nata negli anni Ottanta una raccolta di opere d’arte a cielo aperto. Unico problema, le opere si trovano sul suolo demaniale e ben presto diventano protagoniste di una battaglia legale tra la Soprintendenza, che vuole demolirle, e esponenti della politica e del mondo culturale. Risultato: le installazioni ci sono ancora, ma per molto tempo rischiano di rimanere vittime del degrado. Nel 2006 la zona è finalmente riconosciuta come parco.
 Foto: comune.mottadaffermo.me
 

Fattoria Celle, Santomato (Pistoia)

In una villa risalente all’anno 1000, il collezionista Giuliano Gori a partire dagli anni Settanta ha fatto popolare il parco di opere che non occupano lo spazio, ma entrano a farne parte integrante.
Foto: turismo.it

 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

)