Carrello 0
PROGETTAZIONE

Puglia, l’antica torre si sposta e fa spazio alla strada

di Paola Mammarella

Anas: ‘eccezionale opera di ingegneria, per la prima volta in Italia si sposta un monumento storico per far passare una strada’

Vedi Aggiornamento del 20/03/2018
14/02/2018 - Infrastrutture sì, ma nel rispetto dei beni culturali. È quello che è successo alle porte di Palo del Colle, comune in Provincia di Bari, dove sabato scorso è stato completato lo spostamento della Torre San Vincenzo, monumento di epoca medievale, risalente a un periodo compreso tra il XII e il XV secolo.
 

La torre e il raddoppio della Strada statale Bari - Matera

L’antica torre interferiva con i lavori per il raddoppio della Strada statale 96, che collega Bari a Matera. Lavori che devono essere conclusi con una certa urgenza, dato che nel 2019 Matera sarà capitale europea della cultura. E la soluzione adottata è proprio un inno alla tutela del patrimonio culturale.
 
Il “problema” della torre era noto dal 2013, quando la Soprintendenza per i Beni Culturali aveva ricordato all’Anas, impegnata nei lavori di raddoppio, la presenza di un vincolo sulla torre, che rientra in una rete di torri di avvistamento della Murgia.
 
Impossibile abbatterla, quindi la Soprintendenza aveva proposto all’Anas di modificare il tracciato della strada. Ma la società ha presentato una controproposta: lasciare inalterato il tracciato e spostare la torre.
 

Lo spostamento della torre

E così è stato. La torre è stata prima imbragata e tagliata dalle fondamenta dalla società barese “Garibaldi”, che l’ha anche sollevata e deposta su una piattaforma di calcestruzzo. L’impresa di Milano Cp Technology ha posizionato la piattaforma di calcestruzzo su una rotaia e l’ha traslata di circa 30 metri ad ovest rispetto alla sua posizione originaria.
 
Come riferito dall’architetto Beppe Fragasso, titolare dell’impresa “Garibaldi”, l’operazione è stata complicata dalla presenza di una cisterna. La struttura è stata quindi fortificata con iniezioni di miscela cementizia e protetta con paratie di legno, riempite all’interno con sabbia per evitare vibrazioni.
 
“Eccezionale opera di ingegneria in provincia di Bari – commenta Anas dalla sua pagina Facebook - su indicazione dell’Anas, e con il via libera della Soprintendenza, per la prima volta in Italia è stato spostato un monumento storico per far spazio a una strada da costruire”.

 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Ristrutturare il patrimonio edilizio, quanto contano le detrazioni fiscali? Partecipa