Carrello 0
FOCUS MCE

MCE 2018, le novità puntano su comfort, tecnologie ibride e connettività

di Alessandra Marra

Una panoramica sui prodotti in mostra dedicati al riscaldamento, all’impiantistica e alla climatizzazione

Vedi Aggiornamento del 09/07/2018
20/03/2018 – Comfort, connettività e tecnologie ibride; queste le tre parole che caratterizzano le novità presentate alla 41esima edizione di MCE- Mostra ConvegnoExpocomfort, che si è conclusa la scorsa settimana a Milano.  
 
MCE ha registrato la presenza di oltre 2.400 espositori e 162.000 visitatori da tutto il mondo con un trend positivo dall’estero +6% e +4% dall’Italia; la fiera, inoltre, ha permesso momenti di incontro e confronto tra operatori, istituzioni e aziende per tutti i comparti del caldo, freddo, acqua ed energia. Quest’anno in fiera ha debuttato BIE – Biomass Innovation Expo 2018, mostra dedicata al mercato degli apparecchi domestici a biomassa legnosa.
 
Il tema al centro della Mostra Convegno Expocomfort è l’efficienza energetica, declinato in maniera nuova: le soluzioni tecnologiche presentate puntano non solo a elevati standard prestazionali ma anche a soluzioni confortevoli, connesse e integrate nell’edificio.  
 
Gli impianti non sono più sistemi autonomi ma elementi del sistema edificio-impianto necessari per contribuire a migliorare il comfort abitativo dell’utente finale, sia nel residenziale che nel commerciale, terziario, industriale ecc.
 

MCE 2018: l’innovazione tecnologica punta al comfort

Il comfort, cioè la sensazione di completo benessere fisico e mentale, oggi è diventato un requisito di una buona progettazione dell’ambiente costruito; di conseguenza le innovazioni tecnologiche hanno cercato di rispondere in modi nuovi a questa ‘esigenza’.
 
Tra i problemi che causano il mancato comfort termico c’è la questione del raffrescamento degli ambienti attraverso i condizionatori a causa del ‘fastidioso’ flusso diretto di aria fredda. Per ovviare al problema Samsung Electronics ha presentato in fiera i condizionatori a tecnologia WindFree, che garantiscono il condizionamento ideale senza aria fredda diretta grazie a migliaia di microfori che la diffondono in maniera diffusa.


Sullo stesso fronte c’è Stylish, la nuova gamma di climatizzazione residenziale di Daikin Italy che si contraddistingue sia per le dimensioni ultra compatte sia per l’alto livello di comfort grazie alla nuova funzione Coanda Air Flow con cui si ottiene una diffusione dell’aria più naturale, a bassa velocità e senza flussi diretti, regolando il getto d’aria lungo il soffitto quando viene impostata la modalità raffrescamento e lungo la parete quando è inserita la modalità riscaldamento.

Innova cerca di andare incontro a chi vuole climatizzare gli ambienti ma ha problemi di spazio grazie a climatizzatore 2.0 VERTICALE, un climatizzatore d'ambiente monoblocco sottile, silenzioso che permette di sfruttare gli spazi normalmente non utilizzati, come le aree anguste tra le finestre o tra la portafinestra e gli angoli.

Verso la risoluzione anche il problema della rumorosità degli aspiratori centrifughi residenziali; Vortice ha presentato la nuova gamma VORT QUADRO EVO dalle elevate prestazioni, i ridotti consumi e la grande silenziosità.

Tra i sistemi di ventilazione meccanica forzata c’è Sitali SF150 di Olimpia splendid che permette il comfort interno grazie alla sonda di rilevamento della temperatura e al sensore di umidità integrato che regolano automaticamente il tempo d'inversione dei flussi d'aria.

Tra le novità in mostra eMix di Argo, l’innovativa unità interna del sistema iSERIES, in grado di produrre acqua calda sanitaria durante il raffrescamento; a differenza delle altre pompe di calore standard, progettate per fornire raffrescamento o acqua calda sanitaria non contemporaneamente, eMix abbatte questo limite grazie alla sua tecnologia e rende la sola pompa di calore capace di raffrescare e produrre acqua calda sanitaria allo stesso tempo, sfruttando la tecnologia del recupero di calore.

In esposizione anche SET FREE SIGMA di Hitachi, un nuovo sistema VRF che, grazie ad una maggiore lunghezza delle tubazioni permette fino a 110 m di dislivello tra unità esterna e interna per assicurare le migliori prestazioni anche in caso di vincoli architettonici.

Tra i sistemi radianti di facile installazione, REHAU ha focalizzato l'attenzione su RAUTHERM SPEED, la gamma di sistemi radianti ad aggancio rapido che fissa nuovi parametri di efficienza e di flessibilità, offrendo ai professionisti del settore una soluzione di posa a pavimento molto più rapida rispetto a quelle tradizionali. 

Da segnalare, soprattutto per destinazioni commerciali o terziarie, i nuovi asciugamani Dyson Airblade Wash+Dry che permettono, grazie all’integrazione del getto d’aria direttamente nel rubinetto, di asciugare le mani direttamente nel lavabo in 12 secondi, evitando di far gocciolare inutilmente l’acqua sul pavimento.


Il comfort è stato declinato anche per gli aspetti più tecnici dell’impianto come dimostrano le Valvole termostatiche multifunzione per il controllo dei rami di ricircolo sanitario RTV di I.V.A.R: si tratta di una valvola proporzionale automatica con inserto termostatico che controlla la temperatura nei circuiti di ricircolo in modo che la portata nelle tubazioni si mantenga a un valore desiderato, limitando le dispersioni termiche.

 

MCE 2018: la connettività massimizza l’efficienza energetica

A MCE grande spazio è stato dato ai sistemi connessi e intelligenti applicati ad ogni settore in mostra: si è passati dai sistemi di riscaldamento smart (che scelgono la soluzione più efficiente a seconda della temperatura esterna e del costo dell’energia oppure permettono una connessione bidirezionale delle caldaie) alle app che permettono di controllare dallo smartphone tutte le funzioni domestiche.
 
Ariston ha proposto le caldaie a condensazione Serie ONE (tra cui Alteas One Net Genus One Net), dotate di funzioni in grado di gestire il riscaldamento di casa in modo intelligente, efficace e personalizzato: l’utente può conoscere in tempo reale lo stato della caldaia, i consumi in Kw o in euro. Inoltre, grazie alla doppia connessione con il centro di assistenza tecnica, è possibile la risoluzione dei problemi da remoto o la possibilità per il tecnico di conoscere esattamente il problema, il pezzo da cambiare e il costo dell’intervento.

 
Tra le caldaie intelligenti che si adattano alla curva climatica e dialogano con l’utente ci sono quelle di Hoval e Immergas. Il sistema Hoval TopTronic consente, tramite una connessione internet, di far dialogare l’impianto con una centralina meteorologica: in base alle previsioni del tempo, il sistema autoregola la produzione di energia. La pompa di calore ibrida Magis Combo di Immergas permette, grazie alla scheda elettronica, di stabilire la priorità di funzionamento tra unità interna e pompa di calore in base alle condizioni climatiche per ottenere i rendimenti migliori in tutte le stagioni.

Tra le pompe di calore sempre più avanzate, LG Electronics ha esposto THERMA V un'unità all-in-one, con refrigerante R32, che garantisce un impatto ambientale notevolmente ridotto; inoltre, grazie al nuovo dispositivo di controllo RS3, è possibile impostare la modalità climatica stagionale che consente di regolare l’operatività della pompa di calore automaticamente in base alla temperatura esterna e usufruire di una programmazione settimanale semplificata.
 
Novità anche sul fronte dei sistemi idrici: GROHE ha presento il sistema progettato per proteggere la casa dai danni causati dall'acqua; in particolare GROHE SENSE GUARD rileva le micro-perdite, individua la tubazione rotta, avvisa l’utente e provvede alla chiusura automatica dell’erogazione dell’acqua.

Per la gestione e l’ottimizzazione dei radiatori è stato presentato il nuovo sistema Cordivari My Way® che, grazie alle affidabili testine termostatiche wireless My Head®, permette all’utente, ovunque sia, di impostare le funzioni dell’impianto di riscaldamento. Inoltre, essendo un sistema “intelligente” e predittivo conosce e anticipa i bisogni dell’utente, personalizzandoli in base ai diversi stili di vita.
 

MCE 2018, spazio ai sistemi ibridi

L’elettricità, complice la spinta sulle rinnovabili, sta entrando sempre di più nei sistemi di riscaldamento e raffrescamento; ad MCE, infatti, sono state presentate molte pompe di calore ibride, capaci di sfruttare sia l’energia elettrica che il gas, e i radiatori elettrici. In Italia, rispetto al resto d’Europa in cui l’energia elettrica costa meno, non c’è stata ancora un’esplosione di richieste, tuttavia il mercato inizia ad aprirsi a tecnologie che presto s’imporranno anche qui.
 
Tra i sistemi ibridi per il riscaldamento presentati ad MCE 2018 ci sono Madeira e PegasusSolar Hybrid di Fondital in grado di soddisfare appieno le nuove prescrizioni legislative sulla copertura di energia da fonti rinnovabili.
 
Grande interesse anche per i radiatori elettrici; anche se in Italia (allo stato attuale) non è conveniente riscaldare un’abitazione esclusivamente con radiatori elettrici, questo prodotto si sta diffondendo soprattutto per le seconde case.
 
Tra i radiatori elettrici presentati c’è OTHELLO MONO SLIM di RIDEA che grazie alla tecnologia a secco “Liquid Stone” al 100% green garantisce un’elevata resa termica, uniformità di dispersione del calore, minori tempi di riscaldamento e zero perdite.
 
Tra le novità presentate da Viessmann spicca Vitosol 300-TM, il pannello solare termico sottovuoto ad alta efficienza con tecnologia ThermProtect che protegge il sistema dal surriscaldamento, ideale per case indipendenti e condomini. 


Nell’ottica della diffusione dell’energia elettrica e delle smart grid (che in Germania sono già una realtà), a MCE sono stati presentati diversi sistemi di accumulo di energia elettrica; tra questi c’è REACT 2 di ABB un sistema modulare che include una batteria agli ioni di litio di lunga durata e capacità di accumulo che va dai 4 ai 12 kWh.
 
Un altro esempio è Sonnen Batterie eco 9.43 (in abbinamento a un impianto fotovoltaico, di cogenerazione, generatore eolico o pompa di calore) che gestisce il consumo di energia per tutta la giornata, accumulandola quando è in eccesso, pronta a rilasciarla quando è necessario e adatta a qualsiasi ambiente domestico.


Sulla stessa lunghezza d'onda Fronius Ohmpilot, un dispositivo nato per offrire all’utente facili soluzioni di autoconsumo, utilizzando l’energia solare per abbattere i consumi termici dell’abitazione: dialogando senza fili con la Fronius Datamanager 2.0 e il Fronius Smart Meter, impiega il surplus di energia, permette una regolazione continua e personalizzabile (da 0 a 9 kW) e alimenta carichi puramente resistivi presenti nell’abitazione.

Tra i micro-cogeneratori (m-CHP) a celle a combustibile ad alta efficienza per installazioni in abitazioni presentati in anteprima ad MCE la nuova serie BlueGEN che Solidpower lancerà a fine anno.

Tra i miscelatori elettronici ibridi c'è 6000 LEGIOMIX® 2.0 di Caleffi che ha lo scopo di regolare la temperatura dell’acqua calda sanitaria, in modo da prevenire le scottature, e contemporaneamente garantire un efficace sistema di disinfezione contro la legionella.

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

)