Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Tettoie, serve il permesso di costruire?
NORMATIVA Tettoie, serve il permesso di costruire?
AMBIENTE

Abusivismo edilizio, quasi 20 case su 100 sono illegali

di Rossella Calabrese

Allegato ‘Benessere equo e sostenibile’ al DEF: nel 2017 al Sud il dato raggiunge quasi il 50%

Vedi Aggiornamento del 12/07/2019
30/04/2018 - Dal 2005 al 2015 l’indice di abusivismo edilizio è aumentato da 11,9 a 19,9 per ogni 100 abitazioni legali costruite annualmente. Nel triennio 2015-2017 si registra una riduzione dell’indice da 19,9 scende a 19,4.
 
A livello geografico si registra una notevole variabilità: al Sud e nelle Isole l’indice di abusivismo edilizio si mantiene su livelli sempre notevolmente più elevati rispetto alle altre aree. Nel 2005 l’indice è pari a 4,3 nel Nord-Est e 33,2 al Sud; nel 2010 i valori sono pari a 3,9 nel Nord-Est e 31,1 al Sud; nel 2017 l’indicatore è pari a 5,5 nel Nord-Est e nel Sud raggiunge il 49,9.
 
Anche in termini di variazioni nell’ultimo triennio si registrano tendenze divergenti fra le diverse aree: tra il 2015 e il 2017 a fronte di riduzioni nel Nord-Ovest (da 7,2 a 5,9) e Nord-Est (da 6,3 a 5,5), si osservano aumenti dell’indice di abusivismo al Centro (da 19,0 a 20,7), al Sud (da 40,0 a 49,9) e nelle Isole (da 45,3 a 47,1).
 
I dati arrivano dall’Allegato ‘Indicatori di benessere equo e sostenibile’ al Documento di economia e finanza (DEF) 2018 approvato dal Consiglio dei Ministri il 26 aprile.
 

Abusivismo edilizio e consumo di suolo

L’indice di abusivismo edilizio è il numero di costruzioni abusive per 100 costruzioni autorizzate dai Comuni ed è calcolato su dati Istat e Cresme. Monitora il dominio ‘paesaggio e patrimonio culturale’ del benessere e fornisce una misura diretta del deterioramento del paesaggio, ma può leggersi anche come una proxy del rispetto della legge nell’utilizzazione del territorio.
 
L’indicatore ‘cattura il grado di sfruttamento del suolo e il degrado del paesaggio’ e costituisce un’approssimazione del fenomeno del consumo di suolo, l’indicatore che il Comitato BES (presieduto dal Ministro dell’Economia e delle Finanze e composto dal Presidente dell’Istat, dal Governatore della Banca d’Italia e da due esperti) avrebbe voluto includere nella lista.
 
Tuttavia, per il consumo di suolo non si dispone al momento di un indicatore che possa essere immediatamente utilizzato per i fini previsti dalla legge. Quindi, si considera in via temporanea l’abusivismo edilizio, in attesa di poter adottare il consumo di suolo quando i dati saranno di qualità adeguata. 
 

Abusivismo edilizio e benessere equo e sostenibile

Il Benessere Equo e Sostenibile (BES) è stato introdotto nel ciclo di programmazione economica durante la passata legislatura; il Governo ha sostenuto con convinzione questa innovazione, che vede l’Italia all’avanguardia a livello internazionale. Dopo l’esercizio sperimentale del 2017, quest’anno l’Allegato ‘Indicatori di benessere equo e sostenibile’ è entrato a pieno titolo nel DEF.
 
Il documento contiene 12 indicatori di diverse aree che caratterizzano la qualità della vita dei cittadini, relative a disuguaglianza, istruzione, salute, ambiente, sicurezza, abusivismo edilizio, etc. Dal 2018 l’Italia è il primo paese dell’Unione europea e dei G7 a dotarsi di un set di indicatori di benessere in base ai quali misurare l’impatto delle politiche pubbliche, abitualmente valutato su pochi indicatori macroeconomici e di finanza pubblica, in primis il PIL.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui