Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Impianti sportivi, al via le prime richieste per lo ‘Sport bonus’

di Alessandra Marra

Il modulo per beneficiare del credito d’imposta per la ristrutturazione delle strutture pubbliche va inviato entro il 21 luglio 2018

Vedi Aggiornamento del 11/07/2018
26/06/2018 – Al via le richieste per usufruire del credito d’imposta previsto dello Sport Bonus.
 
Lo scorso 21 giugno, infatti, la presidenza del Consiglio dei ministri - Ufficio per lo sport, ha pubblicato il modulo per la richiesta del beneficio in favore dei soggetti che hanno fatto erogazioni liberali nel 2018 per gli interventi di restauro o ristrutturazione degli impianti sportivi pubblici.
 
Scarica il modulo
 

Ristrutturazione impianti sportivi: al via le prima richieste per lo Sport Bonus 

Ricordiamo che l'importo a sostegno della misura è di 10 milioni di euro, suddiviso in due tranche di 5 milioni di euro suddivisi in due finestre temporali di centoventi giorni ciascuna che si possono aprire a partire dal 1° aprile e dal 20 agosto 2018.
 
La prima finestra si è aperta lo scorso 21 giugno; di conseguenza, come previsto dal DPCM 23 aprile 2018, chiunque intende usufruire dello sport bonus ne deve fare richiesta all'Ufficio per lo Sport entro trenta giorni dall'apertura, cioè entro il 21 luglio 2018 compilando l'apposito modulo ed inviandolo a mezzo posta elettronica a: ufficiosport@pec.governo.it.
 
Chi non farà in tempo a mandare le domande in questa tranche, potrà farlo nella seconda finestra temporale che potrà aprirsi dal 20 agosto 2018.
 

Sport bonus: come beneficiare della misura

Nei venti giorni successivi alla scadenza del termine, l'Ufficio per lo sport pubblicherà sul proprio sito internet l'elenco degli ammessi al beneficio fiscale secondo il criterio temporale di ricevimento delle richieste sino all'esaurimento delle risorse disponibili in ciascuna finestra.
 
Entro i dieci giorni successivi alla pubblicazione della graduatoria, chi ne ha ancora interesse eroga l'importo indicato nella richiesta in favore del beneficiario designato, il quale ne da' comunicazione all'Ufficio per lo sport indicando la data e l'ammontare della donazione. Accertata la corrispondenza delle informazioni l’Ufficio pubblicherà l'elenco dei soggetti a cui è riconosciuto il beneficio fiscale.
 
Il credito d'imposta è utilizzabile in tre quote annuali di pari importo in ciascuno degli esercizi finanziari 2018, 2019 e 2020, a decorrere dal quinto giorno lavorativo successivo a quello di pubblicazione sul sito internet istituzionale dell'Ufficio per lo sport, esclusivamente in compensazione.
 

Ristrutturazione impianti sportivi: lo Sport Bonus

Ricordiamo che lo Sport Bonus prevede, entro il limite del tre per mille dei ricavi annui, un credito d’imposta del 50% per tutte le imprese che nel 2018 effettuano erogazioni liberali in denaro fino a 40.000,00 euro per interventi di restauro o ristrutturazione di impianti sportivi pubblici.
 
Ai fini del riconoscimento dello ‘Sport bonus’, le erogazioni liberali devono essere effettuate dalle imprese avvalendosi esclusivamente, come metodo di pagamento, di: bonifico bancario; bollettino postale; carte di debito, carte di credito e prepagate; assegni bancari e circolari.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

)