Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
TECNOLOGIE Edilportale presenta Digital Forum, il primo Summit Online dedicato all'Industria delle Costruzioni
AMBIENTE

Dissesto idrogeologico, Ispra: è a rischio il 91% dei comuni italiani

di Alessandra Marra

7 milioni di persone risiedono in territori vulnerabili: 1 milione in aree a rischio frana e 6 milioni in zone a pericolosità idraulica

Vedi Aggiornamento del 19/02/2019
Commenti 1453
Frana nel versante settentrionale di Civita di Bagnoregio (Foto di Claudio Margottini) - Rapporto Ispra 2018
26/07/2018 – Il 91% dei comuni italiani è in aree a rischio con oltre 3 milioni di nuclei familiari che risiedono in queste aree ad alta vulnerabilità.
 
Questo uno dei dati contenuti nella seconda edizione del Rapporto “Dissesto idrogeologico in Italia” , realizzato dall’ISPRA, che ha aggiornato (con i dati del 2017) la mappa nazionale del rischio italiano.
 

Dissesto idrogeologico: la mappa del rischio italiano

Secondo il Rapporto nel 2017 è aumentata la superficie potenzialmente soggetta a frane del 2,9% rispetto al 2015 e quella potenzialmente allagabile nello scenario medio del 4%; complessivamente, il 16,6% del territorio nazionale è mappato nelle classi a maggiore pericolosità per frane e alluvioni (50 mila km2 ). Quasi il 4% degli edifici italiani (oltre 550 mila) si trova in aree a pericolosità da frana elevata e molto elevata e più del 9% (oltre 1 milione) in zone alluvionabili nello scenario medio.
 
Complessivamente, sono oltre 7 milioni le persone che risiedono nei territori vulnerabili: oltre 1 milione vive in aree a pericolosità da frana elevata e molto elevata (PAI - Piani di Assetto Idrogeologico) e più di 6 in zone a pericolosità idraulica nello scenario medio (ovvero alluvionabili per eventi che si verificano in media ogni 100-200 anni).
 
I valori più elevati di popolazione a rischio si trovano in Emilia-Romagna, Toscana, Campania, Lombardia, Veneto e Liguria. Le industrie e i servizi posizionati in aree a pericolosità da frana elevata e molto elevata sono quasi 83 mila, con oltre 217 mila addetti esposti a rischio. Il numero maggiore di edifici a rischio si trova in Campania, Toscana, Emilia-Romagna e Lazio.
 
Al pericolo inondazione, sempre nello scenario medio, si trovano invece esposte ben 600 mila unità locali di impresa (12,4% del totale) con oltre 2 milioni di addetti ai lavori, in particolare nelle regioni Emilia-Romagna, Toscana, Veneto, Lombardia e Liguria dove il rischio è maggiore.
 
In nove Regioni (Valle D'Aosta, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Molise, Basilicata e Calabria) il 100% dei comuni è a rischio idrogeologico. L'Abruzzo, il Lazio, il Piemonte, la Campania, la Sicilia e la Provincia di Trento hanno percentuali di comuni a rischio tra il 90% e il 100%.
 

Rischio idrogeologico: in pericolo anche il patrimonio culturale

I dati dell’ISPRA evidenziano anche le minacce al patrimonio culturale italiano: nelle aree franabili ci sono quasi 38 mila beni culturali, dei quali oltre 11 mila ubicati in zone a pericolosità da frana elevata e molto elevata.
 
Sfiorano i 40 mila i monumenti a rischio inondazione nello scenario a scarsa probabilità di accadimento o relativo a eventi estremi; di questi più di 31 mila si trovano in zone potenzialmente allagabili anche nello scenario a media probabilità.
 
Per la salvaguardia dei Beni Culturali, è importante stimare il rischio anche per lo scenario meno probabile, tenuto conto che, in caso di evento, i danni prodotti al patrimonio culturale sarebbero inestimabili e irreversibili.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa