Carrello 0
Urban Stone Contest
CONCORSI

Urban Stone Contest

Il concorso di idee per la progettazione di una seduta urbana da stampare in 3D

04/07/2018 - Co.ge.ser in collaborazione con la start up TRIP presenta Urban Stone Contest, concorso di idee finalizzato alla sensibilizzazione sul tema del riutilizzo degli scarti generati dai processi produttivi dell’industria lapidea: gli scarti del marmo sono sia pezzi che ingombrano gli spazi delle fabbriche ma anche i rifiuti polverulenti prodotti da taglio e lavorazione, tradotti nei fanghi di scarto, da sempre tematica gestita dal consorzio.
Sono invitati a partecipare i soggetti quali architetti, ingegneri, geometri, designer, studenti o giovani professionisti under 35.

Nello specifico si richiede la progettazione di un "modulo tipo" di seduta urbana di forma libera con ingombro di seduta pari a 65 cm di larghezza e/o profondità. Il modulo deve essere riconducibile al territorio e ai materiali che lo caratterizzano, promuovendo il concetto di riuso e di prototipazione 3D. I progetti devono essere riproducibili industrialmente. È obbligatorio l'utilizzo del marmo, in ogni sua natura.
 
Gli obiettivi alla base del contest “URBAN STONE” sono finalizzati alla promozione del territorio e dei materiali che lo caratterizzano, promuovendo il concetto di riuso e di prototipazione 3D.
 
I concorrenti dovranno progettare un arredo urbano capace di migliorare l’esperienza del vivere e rilassarsi all’aperto.
I progetti dovranno essere inviati entro il 30 agosto 2018 direttamente sul sito www.urbancontest.it
 
Premi
Al vincitore un premio in denaro di 2.000 euro, la realizzazione e commercializzazione del progetto da parte dell'ente banditore; il riconoscimento di una royalty sul valore di vendita per ogni oggetto venduto da parte dell'ente banditore; la possibilità di assistere alle fasi di realizzazione dell'arredo.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati