Carrello 0
PROFESSIONE

Flat Tax 15%, la Lega propone di estenderla alle partite Iva fino a 100 mila euro

di Alessandra Marra

E per le start-up il ddl prospetta un’aliquota del 5% per 3 anni, estesa a 5 anni per gli under 35 e gli over 55

Vedi Aggiornamento del 06/12/2018
13/07/2018 – Regime forfettario del 15% per tutte le partite Iva fino ad un volume d’affari di 100 mila euro; per le start-up aliquota del 5% per 3 anni estesa a 5 anni per gli under 35 e gli over 55.
 
A proporlo la Lega che, tramite il Capogruppo alla Camera Riccardo Molinari, lo scorso 11 luglio ha depositato un disegno di legge per far partire da alcune categorie la Flat Tax.
 

Flat tax professionisti: la proposta della Lega

Molinari ha anticipato su Facebook la proposta di legge (il cui testo non è ancora disponibile) che estende il regime minimo/forfettario del 15% a tutte le partite Iva fino a fatturati di 100 mila euro.
 
Il Capogruppo della Lega ha dichiarato che l’obiettivo è “da una parte estendere ad una platea più ampia possibile la semplificazione degli adempimenti contabili con un regime forfettario unico al 15% (o al 5%) e dall’altro sburocratizzare e facilitare la vita di imprese e professionisti”.
 
I contribuenti, infatti, non dovranno adempiere ad obblighi di contabilità, studi di settore, speso metro ma avranno come unico adempimento la dichiarazione dei redditi.
 
Dalle dichiarazioni di Molinari, però, non è chiaro se l’aliquota del 5% per le start-up (per 3 anni estesa a 5 anni per gli under 35 e gli over 55) è prevista solo per le start-up o anche per i professionisti e le partite Iva under 35 e gli over 55.
 

Regime forfettario professionisti: tutte le misure allo studio

Sul tema, negli scorsi giorni, si era espresso anche il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio che aveva annunciato la necessità di una flat tax indiretta per le partite Iva, da inserire nella prossima legge di stabilità, ma con la soglia di 80 mila euro annui.
 
Sull’allargamento del regime forfettario ad altre fasce di reddito la deputata di Forza Italia Mara Carfagna ha presentato alla Camera un ddl che, però, prospetta una soglia fino a 50 mila euro annui (la metà di quella proposta dalla Lega). 
 

Come funziona oggi il regime forfettario

Il regime forfettario (che sostituisce Irpef, addizionali regionali e comunali e Irap) prevede un’imposta unica con aliquota fissa del 15% e si applica sul reddito imponibile determinato forfettariamente sulla base dei ricavi o dei compensi. 
 
Attualmente, però, possono accedere al regime forfetario i professionisti che rispettino alcuni requisiti, tra cui quello di aver conseguito ricavi o percepito compensi non superiori a 30 mila euro.

Il regime forfetario, infatti, cessa di avere efficacia a partire dall’anno successivo a quello in cui viene meno anche solo uno dei requisiti di accesso previsti, come il superamento della soglia di 30 mila euro per i professionisti.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
Paolo

Bello vedere che finalmente tutti si sono accorti che una "flat tax" esiste da anni, a mio avviso, nonostante me ne giovi, apertamente incostituzionale, non contemplando alcun tipo di progressività, ne' attraverso le aliquote, ne' attraverso una "no tax area". Non lo dico per interesse personale, avendo fortunatamente un reddito che si colloca verso l'attuale limite massimo, ma per le piccolissime P.IVA il regime forfettario è una fregatura, non consentendo loro di accedere alle detrazioni previste per l'IRPEF che, per redditi inferiori ai 10000/15000 euro spesso azzera del tutto la tassazione. Vedo quindi piccolissimi professionisti costretti ad adottare il regime forfettario, pur non conveniente, ricattati dall'alternativa di studi di settore per i quali certamente risulterebbero non congrui. Pertanto, anzichè questa sfida al rialzo sulla soglia massima reddituale (dai 50000 della Carfagna, agli 80000 di Di Maio, fino ai 100000 di Salvini), sarebbe più giusto istituire una soglia minima di no tax area per evitare di depredare gli già scarsi guadagni di tanti piccolissimi contribuenti.


x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati