Carrello 0
NORMATIVA

Metropolitane, nuovi appalti di lavori in arrivo entro il 2021

di Paola Mammarella

Gli interventi per il trasporto rapido di massa saranno finanziati dalle risorse 2018 del Fondo Investimenti. Il 29 ottobre info day per gli enti interessati

11/10/2018 – In arrivo nuove risorse per la realizzazione e il potenziamento delle metropolitane. È stato pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit) l’Addendum all’avviso del 1° marzo 2018, che spiega agli Enti locali come richiedere i contributi per finanziare gli interventi sul trasporto rapido di massa e successivamente bandire le gare d'appalto per la realizzazione dei lavori.
 

Metropolitane, le risorse in campo

Ricordiamo che la Legge di Bilancio 2017 (L.232/2016) ha istituito il Fondo Infrastrutture con una dortazione iniziale di 46 miliardi di euro. All'interno del Fondo, 1,4 miliardi di euro sono stati destinati e assegnati al trasporto rapido di massa.

La Legge di Bilancio 2018 (L.205/2017) ha rifinanziato con 36 miliardi di euro il Fondo Infrastrutture, confermando i capitoli di spesa, quindi una nuova disponibilità di risorse per le metropolitane. In realtà il decreto che dovrebbe ripartire con precisione i fondi disponibili sui capitoli di spesa è ancora una bozza.

E infatti nè l'avviso nè l'Addendum contengono delle cifre di riferimento. Tanto che nella nota esplicativa dell’avviso si legge “Per quanto riguarda l’assegnazione delle risorse da destinare al completamento e al potenziamento di interventi nel settore dei sistemi di trasporto rapido di massa si può ipotizzare la disponibilità di ulteriori risorse a valere sul Fondo Investimenti, istituito ai sensi dell’articolo 1, comma 140 della legge 11.12.2016, n. 232, e rifinanziato dall’articolo 1, comma 1072 della legge 27.12.2017, n.205”.

Nel frattempo gli Enti locali possono però iniziare a presentare delle proposte.
 

Trasporto rapido di massa, gli interventi finanziabili

Possono presentare domanda le Città metropolitane e i Comuni capoluogo delle città metropolitane, i Comuni capoluogo di Regione e i Comuni con oltre 100mila abitanti
 
Al contributo possono accedere gli interventi di rinnovo e miglioramento del parco veicolare, potenziamento e valorizzazione delle linee metropolitane, tranviarie e filoviarie esistenti, realizzazione di linee metropolitane, tranviarie e filoviarie ed estensione/implementazione della rete di trasporto rapido di massa, anche con sistemi ad impianti fissi di tipo innovativo.
 
La selezione degli interventi sarà eseguita ai sensi del DM n. 300 del 16 giugno 2017, recante le Linee guida per la valutazione degli investimenti in opere pubbliche.
 

Trasporto rapido di massa, come chiedere i contributi

Per la richiesta dei contributi sono previste due scadenze, la prima il 31 dicembre 2018, la seconda il 30 settembre 2019. Tutti gli interventi oggetto delle istanze di finanziamento devono prevedere l’assunzione dell’obbligazione giuridicamente vincolante per l’affidamento dei lavori entro il 31 dicembre 2021.
 
È stato inoltre organizzato un Info day che si terrà il 29 ottobre 2018 presso la sala Emiciclo della sede del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, cui potranno partecipare le Amministrazioni interessate.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Partecipa