Carrello 0
Progetto Bellezz@, i luoghi dimenticati che stanno per rinascere
AMBIENTE

Progetto Bellezz@, i luoghi dimenticati che stanno per rinascere

di Paola Mammarella

Castelli, ponti, fabbriche e torri che raccontano storie da ricordare

19/11/2018 – Sono 271 gli interventi finanziati con 150 milioni di euro nell’ambito del progetto “Bellezz@ - Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati”.
 
Ma scopriamo come sono fatti alcuni dei tesori d’Italia che, pur appartenendo all’inestimabile patrimonio culturale e artistico nazionale, rischierebbero di rimanere dimenticati senza una adeguata valorizzazione.
 

Rocca Roveresca, Mondavio (Pesaro Urbino)

La rocca risale alla fine del Quattrocento. Nonostante sia stata realizzata per scopi bellici, si è conservata in ottimo stato perchè non ha mai subìto attacchi o assedi. 
Foto: www.beniculturali.marche.it Creative Commons Attribuzione 3.0 (CC-BY)
 

Area archeologica di Acqui Terme (Alessandria)

Nella zona ci sono testimonianze di insediamenti che vanno dalla preistoria, in particolare dal Neolitico, all'epoca romana. Sono ben visibili i resti di un acquedotto, presumibilmente del periodo augusteo, e di abitazioni, rinvenute all'inizio del Novecento.
 Foto: Christa Eder © 123RF.com
 

Castello ducale, Crecchio (Chieti)

Realizzato nel XIII secolo, oggi ospita il Museo dell'Abruzzo bizantino e altomedievale. Il suo interno è stato danneggiato dai bombardamenti del 1943 e poi ricostruito negli anni Sessanta.
 Foto: Andrea Ferrante [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], via Wikimedia Commons
 

Ferriera Papini, Maresca (Pistoia)

Sui monti intorno a Pistoia la lavorazione del ferro ha avuto un'importanza fondamentale fin dall'epoca degli Etruschi fino a che, con Cosimo I de’ Medici, la zona divenne primo polo siderurgico del Granducato di Toscana. Oggi nell'ecomuseo si possono visitare i macchinari storici e uno dei ponti pedonali sospesi a fune più lunghi al mondo.
 Foto: agnese_prioreschi - Instagram 
 

Ponte di Brivio (Lecco)

Il ponte collega Brivio con Cisano Bergamasco. È stato realizzato agli inizi del Novecento e per l’epoca rappresentava una struttura ardita.
 Foto: kingleo - Comuni-Italiani.it Brivio 


Torre pentagonale medioevale, Poggio Catino (Rieti)

La torre risale al X secolo e ha ricoperto una funzione di avvistamento. Si trovava infatti al confine tra i ducati di Roma e Spoleto.
 Foto: FAI - Fondo Ambiente italiano
 

Caserma Monte Rite, Cibiana di Cadore (Belluno)

La caserma faceva parte di un complesso sistema di fortificazione che doveva proteggere l'italia dafli austriaci durante il primo conflitto mondiale. In realtà è stata poco utilizzata anche perchè le fortificazioni della zona si rivelarono insufficienti a contenere l'invasione nemica. Oggi è un centro culturale e ha ospitato la Biennale Arte Dolomiti.
Foto: Biennale Arte Dolomiti


Oratorio di Mocchirolo, Lentate sul Seveso (Monza Brianza)

L'oratorio è una cappella gentilizia fatta edificare nel 1369 in stile rinascimentale gotico. Gli affreschi all'interno sono stati realizzati da Pecino da Nova. Si tratta di opere emerse durante i restauri iniziati nei primi anni Duemila, mentre il ciclo pittorico originale è stato "strappato" e ricomposto nella Pinacoteca di Brera.

 Foto: Oratorio di Mocchirolo, Lentate sul Seveso [CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)]
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati