Carrello 0
La Minnucci Associati s.r.l. vince un premio internazionale per progetti BIM
BIM NEWS

La Minnucci Associati s.r.l. vince un premio internazionale per progetti BIM

di Stefania Mastrolonardo

Per la prima volta una società di ingegneria italiana vince un premio internazionale ai Building Smart International Awards

23/11/2018 – La Minnucci Associati s.r.l. si è aggiudicata il primo posto al mondo al premio internazionale Building Smart International Awards nella sezione “Operation & Maintenance using Open Technology” con il progetto pilota “Twin Model” della Stazione di Napoli Centrale, uno dei progetti pilota più importanti nel panorama italiano e sviluppato in collaborazione con il Gruppo Ferrovie dello Stato (RFI e Grandi Stazioni Rail). La Società di Ingegneria con sede ad Anguillara Sabazia (Rm) ha battuto i progetti di Cina, Francia e Olanda arrivati in finali, grazie ad un esempio virtuoso di gestione e manutenzione del patrimonio edilizio esistente mediante tecnologia BIM.
buildingSMART International è l’organizzazione internazionale di standardizzazione che punta a migliorare lo scambio d’informazioni tra le applicazioni software attraverso l’OPEN BIM.
 

I PROGETTI VINCITORI DEI BUILDINGSMART INTERNATIONAL AWARDS 2018

L’organizzazione buildingSMART bandisce, ogni anno dal 2014, il concorso buildingSMART International Awards, per premiare i progettisti e le aziende che si sono distinti nella realizzazione di progetti OPEN BIM in diversi ambiti. Quest’anno i progetti in concorso sono stati ben 80, provenienti da 20 paesi in tutto il mondo. I vincitori sono stati decisi da una giuria internazionale composta da 37 giurati con diversi background, che hanno premiato le società che hanno adottato interessanti soluzioni OpenBIM nell’affrontare le sfide di interoperabilità nelle fasi di progettazione, costruzione e gestione nelle opere realizzate.
Le categorie di premiazione erano quattro: Design, Construction, Operations and Maintenance, Student Research. È stato premiato un progetto per ciascuna delle quattro categorie ed in più sono stati assegnati altri sei premi per l’ulteriore categoria: Special Distinction, dedicata all’innovazione nelle soluzioni buildingSMART.

I progetti vincitori per le quattro categorie, sono:
- Design: Avinor/Team_T – “Avinor Oslo Airport – T2 Project”

Credits: https://www.aas-jakobsen.com/


- Construction: Bouwcombinatie Pontsteiger – “The Pontsteiger Project”

Credits: https://www.pontsteiger.nl/ontwerp/

- Operations and Maintenance: Minnucci Associati s.r.l – “The Naples Central Station Project”
- Student Research: Universidade de São Paulo – “The Automation of Reinforcing Bars for Concrete Structures Project”
 

IL PROGETTO “TWIN MODEL” DELLA STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE

Credits: https://www.buildingsmart.org/


Il progetto è stato sviluppato con metodologia OPEN BIM, in stretta collaborazione con il Gruppo Ferrovie dello Stato (RFI e Grandi Stazioni Rail), volto alla creazione del modello dell’asset esistente e futuro, garantendone l’aggiornamento costante con il supporto ed il miglioramento dei processi di gestione e manutenzione. Partendo dal rilievo laser scanner dell’intera area (circa 40 ettari), è stato ricostruito il BIM Modello della stazione, organizzando i dati all’interno di un CDE (Common Data Environment).
Il modello realizzato, rappresenta un vero e proprio prototipo virtuale della stazione Centrale di Napoli, una riproduzione fedele, che permette di studiare gli interventi di manutenzione e valutare preventivamente problematiche in modo da evitare al momento dell’esecuzione delle operazioni, le varianti in corso d’opera che possono allungare i tempi ed incrementare i costi. È stata poi creata una libreria dei dati di riferimento (LDR) ricostruendo 12.500 equipment presenti in stazione. Per ogni oggetto rimodellato è stata ridefinita la geometria parametrica, completa di tutte le informazioni utili al management e al maintenance dell’asset, migliorandone, in ottica BIM, tutti i processi di manutenzione, gestione ed aggiornamento.
Ing. Ernesto Minnucci, Amministratore e Direttore Tecnico della società, ha dichiarato durante la premiazione a Tokyo:

“La gestione del patrimonio edilizio è il capitolo più complesso ed importante che il BIM deve contribuire a supportare. È pertanto un grande onore per la Minnucci Associati essere la prima società italiana ad aver vinto questo premio e riteniamo che lo sia per l’Italia tutta. Ringraziamo tantissimo tutti coloro che hanno contribuito al successo del progetto! 
È un grande traguardo per chi, come noi, ha sempre creduto e investito nella ricerca, nella sperimentazione e nella formazione. Oggi siamo in grado di progettare e costruire l’edificio virtuale secondo le ultimissime tecnologie OPEN BIM, seguendone la gestione e la manutenzione per l’intero ciclo vita. È un successo ancor maggiore per l’Italia tutta che possiede un inestimabile patrimonio che deve essere mantenuto e conservato spesso con grande difficoltà come accade per le stazioni ferroviarie che possono essere definite dei veri e propri monumenti in continuo esercizio.”



AGGIORNAMENTO DEL 30/11/2018
Daniele Leodori, Presidente del Consiglio regionale del Lazio, ha conferito un riconoscimento al team di ingegneri della “Minnucci Associati”, per essersi classificati al primo posto in una delle quattro categorie della “Building smart international awards”. Durante la cerimonia di consegna della targa di riconoscimento ad Alfonso Minnucci, Ernesto Minnucci e Carlo Marsaglia, fondatori della società di ingegneria specializzata nell’utilizzo delle tecnologie Bim, Leodori ha affermato:

Questo momento simbolico, da parte della presidenza e del Consiglio regionale tutto, serve a dare il giusto risalto a un’eccellenza che noi abbiamo nella nostra regione, motivo d’orgoglio per tutto il territorio. Avete raggiunto un risultato straordinario su un tema ancora poco conosciuto ma che diventerà pane quotidiano per le amministrazioni pubbliche da qui ai prossimi anni, perché è diventato ormai obbligatorio dotarsi di questi strumenti per fotografare lo stato dei nostri edifici.

Entro il 2025, infatti, tutte le opere pubbliche in Italia dovranno essere progettate, realizzate e gestite con il Building information modeling. In particolare, già dal 2019 scatterà l’obbligo per le stazioni appaltanti di prevedere l’utilizzo del Bim per tutti i lavori di importo superiore a 100 milioni di euro.
 

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Partecipa