Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Rigenerazione urbana, in 26 anni falliti 76 tentativi di modificare la legge urbanistica
NORMATIVA Rigenerazione urbana, in 26 anni falliti 76 tentativi di modificare la legge urbanistica
RISPARMIO ENERGETICO

Sono 3.060 i Comuni autosufficienti per i fabbisogni elettrici

di Alessandra Marra

Rapporto ‘Comuni Rinnovabili 2018’ di Legambiente: in tutti i Comuni almeno un impianto da energie pulite

Vedi Aggiornamento del 23/07/2019
Foto: folewu ©123RF.com
27/11/2018 – Sono 3.060 i Comuni autosufficienti per i fabbisogni elettrici e 37 i Comuni al 100% rinnovabili per autoproduzione. In tutti e 7.978 i municipi italiani sono stati installati uno o più impianti da fonti rinnovabili. Un risultato ottimo se si considera che 10 anni fa erano solo 356.
 
È quanto emerge dal Rapporto Comuni Rinnovabili 2018 di Legambiente che aggiorna il quadro della situazione in relazione alle fonti di energia rinnovabile in Italia e racconta 100 storie dal territorio che raccontano il futuro dell’energia.
 

Rinnovabili: i numeri del Rapporto 2018

Secondo il Rapporto in tutti i 7.978 Comuni sono stati installati uno o più impianti da fonti rinnovabili: sono 7.862 i Comuni in cui sono presenti impianti fotovoltaici, 6.822 quelli del solare termico, 1.489 quelli del mini idroelettrico (in particolare al centro nord) e 1.025 quelli dell’eolico (soprattutto al centro sud), 4.130 quelli delle bioenergie e 595 quelli della geotermia.
 
Grazie a questo mix di impianti distribuiti su tutto il territorio, ben 3.060 comuni sono diventati autosufficienti per i fabbisogni elettrici e 58 per quelli termici, mentre 37 municipi si confermano rinnovabili al 100% per tutti i fabbisogni delle famiglie.
 
In dieci anni la produzione da rinnovabili è cresciuta di oltre 50 TWh mettendo in crisi il modello fondato sulle fossili, con un contributo delle rinnovabili che è passato dal 15 al 34,4% rispetto ai consumi elettrici e dal 7 al 17,7% in quelli complessivi.
 
Secondo il rapporto Comuni Rinnovabili 2018, è la Lombardia la regione con il maggior numero di impianti a fonte rinnovabile in Italia, con 7.989 MW installati, grazie soprattutto all’eredità dell’idroelettrico del secolo scorso. La Puglia è invece la regione col maggior numero di installazioni delle "nuove” rinnovabili, ossia solare e eolico (5.056 MW su 5.388 MW totali).
 

Energie rinnovabili: gli obiettivi futuri

"Dobbiamo, e finalmente possiamo, fermare la febbre del Pianeta – ha dichiarato la Responsabile Energia di Legambiente Katiuscia Eroe. - In Italia entro il 2030, dobbiamo riuscire almeno a triplicare i 20 GW installati di impianti solari e realizzare investimenti capaci di ridurre drasticamente consumi energetici e emissioni di CO2”.
 
“Obiettivi realizzabili, come dimostrano i risultati già raggiunti dalle storie che premiamo oggi. Storie di pionieri che hanno scelto di puntare a un modello 100% rinnovabile costruito con risorse locali. Un modello che si può allargare a tutta l’Italia, dai condomini ai distretti produttivi, grazie alla nuova direttiva sulle fonti rinnovabili che finalmente consentirà anche in Italia di premiare chi si autoproduce l’energia e di aprire alle comunità energetiche. Ci aspettiamo quindi che il Governo recepisca subito queste nuove regole per permettere alle famiglie e alle imprese di ridurre la spesa energetica diminuendo le emissioni climalteranti” ha concluso Katiuscia Eroe.
 
Legambiente ha registrato un rallentamento delle rinnovabili negli ultimi anni: nel 2017 è calato il contributo della produzione da rinnovabili rispetto ai consumi e sono tornate ad aumentare le emissioni di CO2. In molte regioni, inoltre, è di fatto vietata la realizzazione di nuovi progetti rinnovabili, visto l’incrocio di burocrazia, limiti posti con il recepimento delle linee guida nazionali e veti dalle soprintendenze. In questi anni non vi è stata alcuna semplificazioni importante per gli interventi di piccola taglia e mancano ancora riferimenti chiari di integrazione nei territori per gli impianti più grandi e complessi.
 
Per Legambiente, quindi, “occorre cambiare registro e i rilanciare gli investimenti per raggiungere non più solo gli obiettivi stabiliti a livello europeo, in coerenza con l’Accordo di Parigi sul Clima, ma livelli più ambiziosi e in grado di scongiurare le drammatiche conseguenze sociali e economiche di un aumento della temperatura oltre i 2 gradi”.
 
Il Vice Presidente di Legambiente Edoardo Zanchini ha aggiunto: "il nuovo Piano energia e clima, che l’Italia dovrà presentare in una prima versione entro dicembre 2018, dovrà fissare la traiettoria degli obiettivi e delle politiche al 2030, inquadrate dentro una strategia di lungo termine al 2050 di decarbonizzazione dell’economia, come previsto dalle nuove Direttive europee”.
 

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione