Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Scuole digitali, 1.115 progetti finanziati con 22 milioni di euro

di Alessandra Marra

Ecco la graduatoria delle proposte di ambienti didattici innovativi: in testa alla classifica Campania, Lombardia e Piemonte

Vedi Aggiornamento del 01/02/2019
18/01/2019 – In arrivo 1.115 nuovi spazi innovativi e digitali all’interno delle scuole grazie ai 22 milioni di euro messi a disposizione dal Ministero dell’Istruzione (Miur) per la progettazione di ambienti didattici tecnologicamente all’avanguardia nell’ambito del pacchetto ‘Scuola digitale’.
 
Il MIUR, infatti, ha pubblicato la graduatoria dei progetti, stilata sulla base dei criteri (alto tasso di dispersione scolastica, disagio negli apprendimenti, ecc) pubblicati nel bando pubblico dello scorso dicembre.  
 

Scuole innovative: la graduatoria dei progetti

All’Avviso per la presentazione delle candidature hanno risposto oltre 5.000 istituzioni scolastiche; grazie alle risorse stanziate dal Miur sarà possibile finanziare la progettazione di 1.115 ambienti digitali, di cui 663 nel I ciclo di istruzione e 452 nel secondo.
 
Il contributo massimo attribuibile dal Miur a ciascuna istituzione scolastica per la realizzazione degli ambienti di apprendimento innovativi è pari 20.000,00 euro. 
 
Le proposte progettuali sono state valutare dal Miur in base ad alcuni criteri come: qualità della proposta progettuale complessiva, ampiezza e rispondenza degli spazi dell’ambiente di apprendimento alle caratteristiche del bando, coinvolgimento di soggetti pubblici e presenza di quote di cofinanziamento per la realizzazione del progetto.
 
Le Regioni con il maggior numero di progetti approvati sono Campania (152) e Lombardia (130), seguite da Piemonte (119), Lazio (88), Veneto e Puglia (entrambe queste ultime con 78 progetti ciascuna approvati).
 

Scuole digitali: al via le innovazioni

“In tempi rapidissimi, a meno di un mese dalla chiusura dell’avviso - dichiara il Ministro Marco Bussetti - diamo avvio alla realizzazione di nuovi ambienti di apprendimento in oltre mille scuole italiane, che prevedono dotazioni tecnologiche innovative per l’utilizzo della realtà virtuale e aumentata nella didattica, della robotica educativa, del pensiero computazionale, della stampa 3D. Con questa misura diamo un forte impulso per diffondere nella scuola un nuovo modo di concepire l’aula, attrezzandola con arredi e dispositivi che favoriscano metodologie didattiche innovative”.
 
Ricordiamo, infatti, che le risorse serviranno a finanziare l’acquisto di beni, compresi gli arredi innovativi, e attrezzature digitali per gli ambienti di apprendimento; piccoli lavori edilizi funzionali alla realizzazione dei nuovi spazi; spese di progettazione.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Come cambia l’edilizia italiana: la professione Partecipa