Carrello 0
PROFESSIONE

Compravendite, accordo tra geometri e notai contro le irregolarità edilizie

di Alessandra Marra

A Palermo un protocollo per assicurare regolarità urbanistica, edilizia e catastale e agibilità nei trasferimenti immobiliari

17/01/2019 – Assicurare che le compravendite avvengano in linea con i più elevati standard di sicurezza, anche sotto il profilo urbanistico ed edilizio.
 
Questo l’obiettivo del protocollo d’intesa siglato dal Collegio dei Geometri e Geometri laureati della provincia di Palermo e dal Consiglio Notarile dei Distretti Riuniti di Palermo e Termini Imerese. Il protocollo regionale si pone in continuità con quello nazionale siglato l’11 dicembre 2014 fra Geometri e Notai.  
 

Compravendite: accordo tra geometri e notai palermitani

Grazie all’accordo, che avrà la durata di tre anni, sarà possibile avviare un’indagine completa su un immobile o su un patrimonio immobiliare rendendo note tutte le notizie che il compratore dovrebbe conoscere prima di procedere all’acquisto.
 
La partnership è finalizzata alla tutela dei soggetti che, a vario titolo, intervengono nella negoziazione poiché l’accordo assicura sia il corretto trasferimento immobiliare sotto il profilo della commerciabilità dei beni che la verifica della regolarità urbanistica, edilizia, catastale e dell’agibilità.
 
Il protocollo, inoltre, agisce nell’interesse dello Stato, poiché contribuisce a ridimensionare l’incidenza del contenzioso e delle procedure amministrative di sanatoria nell’ambito delle irregolarità urbanistiche ed edilizie, secondo la funzione preventiva delle controversie proprie del sistema del notariato.
 

Collaborazione geometri-notai: cosa prevede

Secondo quanto stabilito dal protocollo d’intesa il rogito notarile deve riportare gli estremi dei titoli edilizi ed abilitativi, nonché la dichiarazione di regolarità edilizia ed urbanistica dell’immobile oggetto di trasferimento.
 
Al fine di informare le parti contraenti sullo stato delle pratiche edilizie dell’immobiliare oggetto di trasferimento, il protocollo stabilisce che sia effettuata la disamina tecnica degli atti depositati presso i competenti uffici e l’esecuzione dei controlli e delle verifiche necessarie ad attestare la corrispondenza dell’immobile della compravendita agli atti legittimati.
 
Per raggiungere tali finalità si utilizzerà una “Due Diligence Tecnica, redatta da un geometra libero professionista, nella quale risulti l’esatta descrizione degli immobili, la conformità catastale allo stato di fatto e l’esame edilizio ed urbanistico.
 
Il Collegio dei Geometri di Palermo si impegnerà, quindi, a organizzare di eventi formativi aperti a tutti i soggetti e a fornire al Consiglio Notarile dei Distretti Riuniti di Palermo e Termini Imerese un elenco di nominativi dei professionisti suddiviso per territorio che avranno aderito alla convenzione.
 
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Come cambia l’edilizia italiana: la professione Partecipa